Nuova Zelanda: da oggi possibili le unioni civili

Entra oggi in vigore la legge che permette le unioni civili in Nuova Zelanda, anche fra persone dello stesso sesso.

WELLINGTON – Entra oggi in vigore la legge che permette le unioni civili in Nuova Zelanda, anche fra persone dello stesso sesso. Al momento circa 600 coppie hanno presentato domanda, ma gli omosessuali non sembrano avere fretta di approfittare della nuova legge.

I primi a stringere un’unione civile saranno infatti un uomo e una donna, come ha notato Tim Barnett, l’esponente politico gay che è stato fra i più decisi sostenitori della legge. Intervistato dal quotidiano New Zeland Herald, Barnett si è detto stupito che i gay non stiano accorrendo per chiedere la licenza per le unioni civili, dopo essersi battuti per anni a questo scopo. “Non ve ne sono molti per le prime due settimane”- ha detto- “ne sono sorpreso, ma la gente è consapevole che ormai questa è la legge e non c’è motivo di aver fretta”.

Ti suggeriamo anche  Bosnia ed Erzegovina, primo passo verso il riconoscimento delle relazioni LGBT
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni