Parte dal Camerun la crociata mondiale contro i gay

Un’associazione camerunense, invocando la continuità della specie e della tradizione, lancia una campagna contro i gay sperando di esportarla e farla diventare mondiale.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Il 21 agosto partirà dal Camerun una crociata mondiale contro i gay. Ad averlo deciso è una associazione locale, che ha lanciato un appello alla popolazione a partecipare all’iniziativa da esportare, poi, in tutto il mondo. L’iniziativa nasce dal Raggruppamento della gioventù camerunense che, per illustrare la sua ”crociata”, fa riferimento ”alla legge del Paese, alla bibbia, alla necessità di preservare la specie umana, le nostre tradizioni, la nostra cultura africana in generale e camerunense in particolare”, viste le ”derive omosessuali constatate attraverso il mondo”.

L’associazione ha deciso di tenere la manifestazione il 21 agosto perché esattamente sei anni fa in quello stesso giorno, dicono, un giovane, Djomo Pokam, venne ”violentato, sodomizzato e assassinato da omoseesuali, che lo gettarono da una finestra dell’ottavo piano dell’Hilton Hotel di Yaound‚”. In Camerun l’omosessualità è penalmente perseguita: rischia fino a cinque anni di carcere chi ha relazioni con persone dello stesso sesso.

Ti suggeriamo anche 

Bailey Reeves è la 17esima donna transgender uccisa nel 2019 negli Stati Uniti

Omofobia

“Omofobo e razzista”, il figlio 15enne di Selvaggia Lucarelli contesta Salvini (e viene identificato dalla Polizia) – VIDEO

"Fermare un ragazzino di 15 anni per chiedergli i documenti dopo che civilmente aveva espresso le sue idee è un pessimo segnale", ha rimarcato Selvaggia Lucarelli.

di Federico Boni