Perù. Cardinale: unioni gay, aberrazione sociale

Il Cardinale Juan Luis Cipriani Thorne, Arcivescovo di Lima e Primate della Chiesa peruviana, si scaglia contro il varo di leggi che cercano di equiparare l’unione omosessuale al matrimonio.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

LIMA – Il Cardinale Juan Luis Cipriani Thorne, Arcivescovo di Lima e Primate della Chiesa peruviana, si scaglia contro il varo di leggi che cercano di equiparare l’unione tra persone dello stesso sesso al matrimonio, come di recente avvenuto in Spagna in una intervista concessa all’agenzia Fides: “Purtroppo c’è anche una specie di ‘club internazionale di promozione delle aberrazioni sociali’, che promuove il sesso edonista come modello di vita, cadendo in molti atteggiamenti che colpiscono la salute spirituale del cristiano”.

A detta dell’Arcivescovo di Lima, “urge un impegno di formazione delle coscienze, partendo dall’infanzia fino alla vecchiaia, affinchè tutti i battezzati, in maniera speciale coloro che per la loro posizione nella società sono più influenti, assumano il loro dovere di promuovere e difendere la verità”.

Ti suggeriamo anche 

Cesena, celebrarono i 'funerali gay': 11 di Forza Nuova a processo

Omofobia

Platinette contraria al DDL Zan: “non sopporto il vittimismo, il piagnisteo lgbt”

"I gay che bisogno hanno del matrimonio, quando i rapporti omosessuali sono poliamorosi?", si è chiesto Mauro Coruzzi.

di Redazione