Adolescente picchiato su un bus perché gay: “Non smetterò di essere chi sono”

di

18enne inglese pestato da un 27enne solo e soltanto perché omosessuale.

CONDIVIDI
6.5k Condivisioni Facebook 6.5k Twitter Google WhatsApp
4882 1

Kydis Zellinger ha 18 anni appena e lo scorso 15 ottobre è stato insultato e picchiato da un 27enne su un autobus, a Bristol.

Paul Austin, di Inns Court, ha gratuitamente iniziato ad offendere pesantemente l’adolescente, dandogli del ‘fottuto frocio‘ prima di prenderlo a pugni. Kydis è tornato a casa con il volto pieno di lividi, due occhi neri e la testa dolorante. Tutt’altro che spaventato, bensì orgoglioso della propria omosessualità, il 18enne ha ribadito che “non smetterò di essere chi sono”.

Austin, invece, si è dichiarato colpevole dell’aggressione, con una condanna che diverrà realtà il prossimo 29 ottobre. “L’incidente è stato classificato come un crimine di odio omofobico e verrà presentato al tribunale in quanto tale”, ha aggiunto dalle pagine di PinkNews un portavoce della polizia.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...