Alessio Sakara: “Vado forte tra i gay, e allora?”

di

"Uno sportivo deve sentirsi libero di esprimersi al meglio, senza stare a pensare a cosa penseranno gli altri. La vita è una!"

CONDIVIDI
475 Condivisioni Facebook 475 Twitter Google WhatsApp
19435 0

Guardi Alessio Sakara e pensi: questo, se dico una cosa sbagliata, come minimo mi riduce come un suo avversario di MMA! Poi ti avvicini, ci inizi a parlare e ti accorgi di quanto l’aspetto esteriore fatto di barba, muscoli, un orecchio tagliato e tanti tatuaggi, non vada poi così d’accordo con quello interiore. Dopo aver condotto (metà) dell’ultima edizione di Tu Si Que Vales, assieme a Belén Rodriguez e Martin Castrogiovanni, e dopo aver partecipato a Pechino Express e ad un docu-reality su DMAX, Sakara punta al cinema. Infatti, dall’8 marzo, sarà nei cinema italiani con il film Anche senza di te assieme a Myriam Catania, Nicolas Vaporidis e Matteo Branciamore. E in attesa di vederlo nei panni di un insolito attore porno, lo sportivo che porta alta la bandiera dell’Italia all’estero, parla di avance maschili, di tutti quegli sportivi che non hanno il coraggio di rivelare la propria sessualità e di quella storia che lo vedrebbe sentimentalmente legato all’autrice Tv Raffaella Mennoia.

Dallo sport, al cinema..

E chi l’avrebbe mai detto? Prendo tutte le belle opportunità che la vita mi sta regalando e, mai come stavolta, mi sono divertito davvero tanto. Myriam, Nicolas e Matteo mi sono stati molto vicino durante le riprese e non mi hanno mai messo nella condizione di sentirmi inferiore rispetto a loro. 

Starai mica pensando ad un futuro come attore?

E perché no? Tra quattro, massimo cinque anni, la mia carriera sportiva si fermerà e devo iniziare a pensare al futuro. Con le persone che seguono me, e il mio lavoro, stiamo iniziando a vagliare altre proposte cinematografiche. 

Sempre parti comiche?

Credo proprio di sì. Poi c’è poco da fare: i romani hanno la comicità nel DNA.

Anche se nel film di Bonelli interpreti Carlo Gambalunga: una star del porno..

Sì, ma parliamo di un insolito attore porno, visto che in un certo senso è anche un po’ filosofo e decisamente buffo. Prima di girare pensavo e speravo di dover studiare più a fondo il mondo del porno frequentando, magari, qualche set. Invece, nel film, niente: neanche un misero bacio!

Oltre al cinema, anche tanta Tv: DMAX, Pechino Express, ma anche la conduzione di Tu Si Que Vales..

Mamma mia quante cose ho fatto! Mi sono sempre divertito tanto e cerco di prendere il meglio da ogni esperienza per farne tesoro. Mai avrei pensato di percorrere queste nuove strade e quasi mi vergogno a parlare di lavoro quando sfrutto queste opportunità. Faccio ancora fatica ad attribuire il divertimento, al lavoro.

Negli anni non hai mai confermato, né smentito, la tua relazione con l’autrice Raffaella Mennoia. Posso chiederti il perché?

Perché voglio preservare il privato dal mondo del gossip. Rispondo a tutto, ma ci tengo a salvaguardare la mia vita privata.

Del tuo privato, in realtà, conosciamo solo tuo cane Saki..

Saki oramai, grazie a “C’è posta per te”, è una vera star! È molto amato sia da Maria De Filippi che da Raffaella. L’unica cosa che voglio che si sappia del mio privato è che ho due splendidi bambini: Marco Valerio e Leonida. 

E loro cosa dicono quando ti vedono in Tv?

In verità non dicono nulla, perché sono più interessati a vedermi quando combatto. E sono talmente tanto interessati che sono loro a scegliere le musiche del mio ingresso prima del combattimento. Uno, guardandomi, si aspetterebbe un’entrata con la musica de Il Gladiatore, invece loro mi fanno entrare con la sigla di Kung Fu Panda. 

Leggi   Irene Ghergo: "Ho infrocito la tv! I gay? Il mio miglior investimento"

Dai non posso credere che i piccoli non siano stati attratti da Belén quando conducevi, con lei, il fortunato programma di Canale 5..

Marco Valerio, che è un bambino tanto malizioso, quando l’ha vista l’ha squadrata da cima a fondo per poi riempirmi di domande quando eravamo soli. Che ridere. La verità è che a loro cerco sempre di spiegare che la popolarità è un qualcosa di effimero, e che fare foto e firmare autografi non fa di me una persona migliore.

Piaci molto alle donne, ma anche agli uomini Come la mettiamo?

L’importante è piacere, e io non ho di certo problemi, anzi. Sono eterosessuale, ma i complimenti restano tali anche se arrivano da una persona dello stesso sesso.

Eppure non sei bellissimo..

(Ride, ndr) Lo so, infatti mi ritengo affascinante! Ora vanno di moda la barba, i tatuaggi, l’orecchio rotto e io, al momento, ho tutto.

Photo by Luigi Cecinelli

Ti è mai capitato di ricevere avance da un uomo?

Un sacco di volte! Basta che apro Instagram e sono sommerso da messaggi di qualsiasi natura. 

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...