Non esistono eterosessuali al 100% – lo afferma una nuova ricerca americana

di

Una nuova ricerca legata alla dilatazione della pupilla conferma che nessuno sarebbe etero al 100%.

CONDIVIDI
231 Condivisioni Facebook 231 Twitter Google WhatsApp
7234 0

Un gruppo di ricercatori ha condotto negli Stati Uniti uno studio per scoprire la vera sessualità umana attraverso alcuni segnali fisiologici, scoprendo che non esistono eterosessuali o omosessuali al 100%.

Fondamentalmente è uno studio che valuta l’orientamento sessuale attraverso la dilatazione degli occhi“, ha rivelato Ritch C. Savin-Williams, direttore del Sex and Gender Lab presso la Cornell University. “Non si può controllare la dilatazione degli occhi. Essenzialmente questo è quello che l’intero progetto ha provato ad ottenere, ovvero un altro modo di valutare la sessualità senza fare affidamento alle relazioni“.

Il team di Savin-Williams ha così scoperto che la sessualità opererebbe su uno spettro che va ben oltre il semplice sistema binario. Molto semplicemente non esistono solo ‘eterosessualità’ e ‘omosessualità’. Per arrivare a questa conclusione, il team di ricerca ha monitorato la dilatazione degli occhi di uomini e donne sottoposti ad una serie di immagini pornografiche.

Abbiamo mostrato agli uomini eterosessuali l’immagine di una donna che si masturba e loro hanno risposto proprio come farebbe un ragazzo etero, ma gli abbiamo poi mostrato anche un uomo che si masturba e gli occhi si sono comunque un po’ dilatati“, ha spiegato Savin-Williams. “Quindi siamo in grado di mostrare fisiologicamente che tutti i ragazzi non sono né gay né etero“.

Il ricercatore ha sottolineato come l’uomo medio abbia ricevuto imput talmente negativi legati all’omosessualità, che anche se provasse attrazione sessuale per un altro uomo ‘non lo direbbe mai e poi mai‘. Attraverso la dilatazione della pupilla, assolutamente incontrollabile, la maschera cade.

Leggi   Royal Family, prime nozze gay: il cugino della Regina Elisabetta II sposa il compagno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...