Russia, 16enne multato per ‘propaganda gay’: è il primo minore

di

Oltre 600 euro di multa per aver pubblicato alcune immagini ritenute 'gay'.

CONDIVIDI
145 Condivisioni Facebook 145 Twitter Google WhatsApp
2872 0

5 anni dopo la sua introduzione, la legge russa contro la propaganda gay ha colpito il primo minore.

Maxim Neverov, 16 anni appena, è stato infatti riconosciuto colpevole di “propaganda dell’omosessualità tra i minori”. L’adolescente di Biysk è stato multato di 50.000 rubli (circa 660 euro) per aver pubblicato foto sul social network Vkontakte.

Il sito di Russian LGBT Network riferisce che il rapporto ufficiale – archiviato il 24 luglio – sottolinea come Neverov avrebbe pubblicato ‘alcune foto di giovani il cui aspetto (parzialmente nudo), secondo parere esperto, aveva le caratteristiche della propaganda gay’.

All’adolescente, incredibile ma vero, non è stato neanche permesso di consultare un avvocato. Questo rifiuto, ovviamente, l’ha portato a non testimoniare. La Commissione sui diritti dei minori e la protezione dei minori ha esaminato il caso, con la rete LGBT russa che ha ora fornito un avvocato al povero Maxim.

Da 5 anni la legge contro la propaganda gay voluta da Vladimir Putin colleziona multe, arresti e diritti negati, legalizzando di fatto l’omofobia.

Leggi   Attentati terroristici contro omosessuali: 2 riusciti e 4 tentativi falliti
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...