Ryan Murphy: “Mio padre mi prese a cinghiate quando scoprì che sono gay”

di

Il creatore delle serie tv Glee, American Horror Story e Scream Queens racconta il doloroso outing che gli fece suo padre.

Ryan Muprhy
CONDIVIDI
39 Condivisioni Facebook 39 Twitter Google WhatsApp
7179 0

Ryan Murphy, una delle voci più impegnate di Hollywood sul tema della diversità ha raccontato la reazione violenta di suo padre alla sua omosessualità.

Regista, sceneggiatore, Ryan Murphy è la mente di alcune delle serie di successo più amate dalla comunità LGBT: da Glee ad American Horror Story, da Feud a Scream Queens.

La rivelazione di Murphy è arrivata durante la presentazione della sua nuova creatura, Pose, una serie-musical sui “diversi” ambientata nella New York del 1980 e che può già vantare il più alto numero di attori transgender in una produzione televisiva.

Ryan Murphy
Ryan Murphy alla presentazione di American Crime Story: Versace di cui è produttore.

Proprio in questa serie tv uno dei personaggi viene picchiato a sangue con una cintura dal padre, quando questi scopre che è gay. “Pose è un progetto intensamente personale – ha ammesso Murphy – Questo episodio ad esempio racconta il mio coming out con mio padre. Mi prese a cinghiate”.

Il regista poi ha proseguito tornando agli anni ’80: “Non posso credere a tutto quello che è cambiato in questo tempo – ha raccontato a DeadlineAllora se mi avessi detto che i gay si sarebbero potuti sposare e avrebbero avuto figli non ci avrei mai creduto. Se mi guardo indietro mi sento un sopravvissuto e per questo sento la responsabilità di sostenere coloro che non si sentono ancora inclusi”.

Leggi   Abrahm DeVine, nuotatore USA fa coming out: 'sono gay'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...