Sabrina Salerno: “A 50 anni non posso fare a meno del mondo gay!”

di

A 50 anni e un giorno, l'iconica Sabrina Salerno si libera da qualsiasi freno inibitorio e parla della sua vita tra passato, presente e futuro.

CONDIVIDI
241 Condivisioni Facebook 241 Twitter Google WhatsApp
16091 0

Sono passati trentuno anni da quando con un costumino bianco canticchiava a bordo piscina Boys, boys, boys I’m looking for the good time”. Eppure, a guardarla da vicino, sembra che per Sabrina Salerno il tempo non sia davvero mai passato. Oggi la cantante italiana che ha scalato le classifiche di mezzo mondo, si gode un periodo particolarmente fortunato: un tour senza tregua nei principali Zenith francesi fino al 2020, un nuovo progetto di prossima uscita, i suoi primi cinquant’anni tra gli affetti più cari ed un pubblico che dagli anni ’80, ad oggi, non l’ha mai abbandonata.

Cinquant’anni. Traguardo o ripartenza?

Preferisco viverli come una ripartenza. Per un’insoddisfatta cronica come me, non ci sono mai traguardi. Questo è un po’ come se fosse il mio secondo giro.

Nessuna tristezza quindi?

No, assolutamente. Sto vivendo questo periodo della mia vita con l’allegria di sempre.

Con chi ha spento le candeline?

Con gli amici di sempre, con quelli neo arrivati e con i miei affetti più cari.

E se si volta a guardare tutto quello che ha fatto, cosa vede?

Essendo una che non si accontenta mai, delle volte è come se non avessi fatto nulla. Finito un progetto, penso subito al prossimo senza godermi mai il risultato, mentre a cinquant’anni voglio iniziare a soffermarmi sul presente. Oggi corriamo tutti come pazzi, dando per scontato qualsiasi cosa. 

Ha mai avuto un piano B in tutti questi anni?

No, ma perché non ho mai avuto il tempo utile per pensarci. Grazie a Dio ho sempre lavorato tantissimo.

Nonostante da piccola volesse fare la psicologa..

Eh già. Ogni tanto, quando sono sul settimo aereo della settimana, penso a quanto sarebbe potuta essere diversa la mia vita se avessi fatto realmente la psicologa. Un ufficio, magari sempre lo stesso, una scrivania e due poltrone. Spesso, quando sono tanto fuori e sotto stress, mi sento in colpa nei confronti della mia famiglia.

Boys, Boys, Boys. A distanza di trent’anni si diverte ancora a cantarla?

Scherza? È una canzone che mi riempie di gioia. La conoscono tutte le generazioni e quando la canto c’è uno scambio di energia tra me e il pubblico, indescrivibile. La musica è la mia vita.

Anche se il suo ultimo lavoro risale a quattro anni fa..

(Ride, ndr) Come passa il tempo, ma non provi a farmi sentire in colpa! La verità è che il lavoro in Francia mi porta via tantissimo tempo. Ho fatto più di 220 spettacoli l’anno nei principali Zenith francesi e ho girato anche un film. Lo spettacolo che porto in giro ha preso dimensioni inaspettate e ho solamente marzo libero. Poi ripartiremo di nuovo ad Aprile, per recuperare le date saltate per colpa dei terribili attentati, ed ho firmato un contratto che mi vedrà impegnata con loro fino al 2020. 

Quindi niente di nuovo all’orizzonte?

In questo preciso momento sono in sala d’incisione. Stiamo iniziando a lavorare ad un nuovo progetto che spero possa uscire entro maggio. Non è facile incastrare tutto, ma ce la sto mettendo tutta.

Non nota un certo pregiudizio per gli artisti degli anni ’80?

Per quel che mi riguarda non particolarmente. Gli italiani mi hanno sempre manifestato il loro affetto, ma non saprei dirle il perché. Sarà che forse non mi sono mai svenduta?

Leggi   Mamme sin dalla nascita e Sindaci obbligati a riconoscerle come tali: rivoluzionarie sentenze da Napoli e Pistoia

Svenduta?

Beh, non sono una di quelle che va in Tv a fare interviste tanto per, o che partecipa ai reality show snaturandosi completamente. Tra l’esserci a tutti i costi e il non esserci, mi creda: preferisco di gran lunga la seconda. 

Un po’ naïf come posizione, no?

No, assolutamente. Io credo di aver sempre mantenuto, negli anni, la mia identità. Io vorrei che la gente continuasse a conoscere la Sabrina artista e non il privato, bello o brutto che sia. Vorrei che la gente arrivasse a me per uno spettacolo, piuttosto che per un progetto nuovo, e non perché sono in un contenitore televisivo h24.

La sexy Sabrina. L’icona sexy Sabrina. Ma quel sexy, sempre così vicino al suo nome, non l’ha stancata?

La verità? No! Sono una donna e i complimenti son sempre ben accetti, e poi c’è da dire che tutta questa sensualità non l’ho m’hai vista. Posso piacermi, quello sì, ma da qui a vedermi come una bomba sexy ce ne passa. Non sono mai stata una mangiatrice di uomini come magari qualcuno può pensare. Basti pensare che ho lo stesso marito da venticinque anni. 

Piuttosto, come ha fatto a mantenere così distante il mondo del gossip dal suo matrimonio?

Basta non vendersi. Stesso discorso dei reality. Oggi è pieno di carriere che nascono, o che comunque si mantengono ‘a galla’, grazie al gossip, ma a me non piace.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...