Simona Ventura: “Date retta a me: il tempo per l’odio, è tempo perso!”

di

Il ritorno in Tv, Amici, Maria, l'Isola dei Famosi, XFactor, Temptation Island Vip e il (suo) mondo gay. Fermi tutti: the Queen is back!

CONDIVIDI
367 Condivisioni Facebook 367 Twitter Google WhatsApp
9488 0

Se c’è una che non ha paura di mettersi in gioco, e di ricominciare ogni volta da capo, a testa alta e schiena dritta, per citare solo una una delle sue frasi cult, è senza dubbio Simona Ventura. L’iconica conduttrice, dopo esser stata per anni il volto di punta delle reti Rai e Sky, prosegue ancora una volta la sua avventura professionale con la Tv del Biscione e con le produzioni Fascino. Infatti, dopo aver condotto due fortunate edizioni di ‘Selfie – Le cose cambiano’, SuperSimo torna di nuovo alla corte di Maria De Filippi, ma questa volta nel ruolo di ‘Commissario Esterno’ nella diciassettesima edizione del talent Amici.

Con che spirito affronterà SuperSimo questa nuova avventura televisiva?

Sono gasatissima! La chiamata di Maria mi ha resa molto felice, perché tra me e lei, al di là di una stima ricambiata, c’è grande sintonia lavorativa. Mi piace l’idea di dare un’opportunità, piuttosto che dei consigli, a dei ragazzi che stanno iniziando a muoversi in un campo per loro totalmente nuovo. È ovvio che non tutti ce la faranno, ma penso che certi consigli, se recepiti e messi in pratica, potranno essergli d’aiuto in qualsiasi circostanza.

Quindi dobbiamo aspettarci un commissario buono?

Assolutamente. Né io, né i miei colleghi, saremo dei commissari ‘cattivi’. Staremo sempre dalla parte dei ragazzi e faremo in modo di valorizzare i loro talenti. Io, ad esempio, sono una che è meno per la tecnica e più per le emozioni, belle o brutte che siano. Magari, proprio per questo, un po’ come accade durante gli esami di maturità, mi scontrerò con la commissione interna, la quale, conoscendo già il percorso dei ragazzi, potrà avere una visione completamente diversa dalla mia. 

Nella commissione interna ci sarà Giusy Ferreri, una tua creatura…

Giusy era, ed è ancora oggi, un diamante grezzo ed è un vero piacere rincontrarla. Il suo successo fu talmente tanto fragoroso che nessuno ricorda che non vinse e che arrivò alla terzultima puntata. 

In passato hai detto di aver accettato sempre trasmissioni che, in un certo senso, ti somigliavano. Quindi, anche in questo caso, c’è una forte somiglianza tra te e il talent più longevo di sempre?

Amici mi è sempre piaciuto perché è realmente molto simile a me. Molto pop, e meno snob rispetto a tanti altri.

Posso chiederti a quali fai riferimento?

A tutti! A dire il vero, non ce ne era uno in particolare, visto che era diventata una tendenza comune. Il pubblico da casa faceva fatica a seguire certe scelte e il fatto che Amici sia arrivato alla diciassettesima edizione, la dice lunga.

I tuoi figli seguono il talent di Maria?

Sì, e devo dire che sono molto addentrati nelle dinamiche del programma. Da loro mi sono anche fatta raccontare tutto il mondo social che c’è dietro e che io, mio malgrado, ignoravo. Le scelte musicali dei miei figli, che sono sicuramente diverse dalle mie, mi aiuteranno anche nelle decisioni che dovrò prendere puntata, dopo puntata.

XFactor, invece, lo segui ancora?

Sì, e devo dire che ha preso una direzione totalmente diversa da quella che avrei voluto e immaginato io. È diventato un programma troppo escludente. Giustissimo per il pubblico di Sky, ma meno per la Tv generalista.

Leggi   Franca Leosini: "Io, I gay, la Misseri e le mie Storie Maledette"

E L’Isola dei Famosi?

(Sorride, ndr) L’Isola la sto seguendo, e da spettatrice posso dire che questa è un’edizione scoppiettante.

Maria de Filippi, in conferenza, ha detto che tu meriti di stare in Tv. Quando si parla di nuovi format, o di graditi ritorni, sul web tutti sperano nel tuo nome. Poi, nella realtà..

Tutti lo dicono, tutti ne parlano, ma poi non è mai così. Io sono stata messa in mezzo un sacco di volte, e su tanti programmi, ma posso garantire di non aver mai ricevuto nessuna telefonata. La verità è che una volta c’era posto per tutti. Lo stagno era grande e tutti potevano abbeverarsi. Adesso, invece, lo stagno si è notevolmente ridotto, ci sono sempre meno posti, ma non meno persone. Oggi c’è una sorta di selezione naturale, in cui non è detto che il più meritevole sopravviva. Maria, in questo, si è dimostrata, ancora una volta, una professionista come poche, ma soprattutto una persona leale che non subisce e non crede nella competizione tra donne. 

Qualcuno ti dava per certa alla conduzione del Grande Fratello Nip, poi?

In verità nessuno me l’ha mai proposto. Ma io, ad ogni modo, il GF Nip non l’avrei accettato. 

E perché mai?

Nessuna spocchia: ma io amo lavorare con i ragazzi, con i personaggi famosi e con il mondo dei talent. Non credo che i people show siano programmi affini alla mia persona.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...