Vladimir Luxuria, insulti transfobici da un assessore leghista per la Festa della Donna

di

Daniele Rivolta, segretario della sezione della Lega di Castano Primo, insulta Vladimir Luxuria per la Festa della Donna.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
14329 11

Un 8 marzo, Festa delle donne, con immancabile insulto transfobico.

Vladimir Luxuria è l’involontaria protagonista dell’orrore politico del giorno. Merito di Daniele Rivolta, segretario della sezione della Lega di Castano Primo che, come riportato su Settegiorni Legnano-Altomilanese, ha condiviso un post ‘goliardico’ per la giornata di ieri, con Vladimir in primo piano.

Auguri, perché le donne hanno sempre una marcia in più. Alcune hanno persino la leva del cambio‘.

L’assessore alla cultura del piccolo comune della città metropolitana di Milano, Luca Fusetti, ha subito tuonato: “Qui non si tratta di una goliardata, ma di un irrispettoso atto omofobo da condannare in ogni forma. Credo che come minimo debba rassegnare le dimissioni”.

Tirato in ballo, Rivolta ha così replicato tramite Facebook: “Non dovrei neanche rispondere a certe accuse…l’omofobia non mi appartiene, tutt’altro. Probabilmente la sconfitta del suo partito di questi giorni non gli ha dato argomenti di cui parlare sul giornale, e si è spostato sul personale, nel modus operandi dei suoi colleghi. Ritengo la mia pagina personale di FaceBook un mezzo per comunicare in maniera simpatica, personale e diretta alle persone…può anche mantenere il blocco attivo sulla mia pagina, così da non rimanere “offeso” da un meme, che tantssime persone di ogni genere hanno apprezzato, facendoci una risata sopra; e fare sorridere una donna, per me è sempre stata la cosa più importante, e grazie all’assessore donerò ancora più sorrisi alle donne…non potrei essere più felice. Viva le donne ed il loro sorriso! In particolare alle donne che amo di più, che tutti i giorni mi danno un motivo in più per affrontare la giornata!!”.

Vladimir, per ora, non ha ancora replicato al ‘simpatico’ assessore leghista.

Leggi   Roma, Comune non trascrive all'anagrafe una bambina con due mamme nata in Italia
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...