Eurovision 2018, Israele punta al trionfo LGBT con Toy di Netta

di

Doron Medalie, compositore gay che ha co-scritto Toy di Netta con il suo produttore nonché partner Stav Beger, sogna di vincere l'Eurovision 2018.

CONDIVIDI
255 Condivisioni Facebook 255 Twitter Google WhatsApp
7998 1

Manca ormai davvero pochissimo al via dell’Eurovision 2018, che vedrà Ermal Meta e Fabrizio Moro rappresentare l’Italia a Lisbona.

Tra i favoriti della vigilia spicca Netta Barzilai, 25enne cantante israeliana. Toy, il suo travolgente brano, è dato da tutti i bookmakers come il papabile vincitore, con oltre 3.5 milioni di visualizzazioni su YouTube. Autore del brano Doron Medalie, compositore gay che ha co-scritto la canzone con il suo produttore nonché partner Stav Beger. Intervistato da GayStarNews, proprio Medalie ha ribadito come Israele voglia vincere questo Eurovision.

Adoriamo il dramma dell’Eurovision! Siamo gay! Quest’anno è il 70 anniversario della nascita di Israele, e sono passati 20 anni da Diva (canzone di Dana International che vinse l’Eurovision nel 1998, ndr.). Vogliamo davvero vincere questa edizione. Pensa solo a quanto sarà divertente l’Eurovision in Israele nel 2019″.

Questo sarà il sesto Eurovision di Medalie, in qualità di cantautore.

Eurovision è la mia infanzia, è la mia vita, è il mio DNA. Il primo ricordo della mia vita è legato ad Ofra Haza che cantava Chai a Monaco di Baviera nel 1983. Ho cantato la canzone vincitrice di Celine Dion ogni giorno sotto la doccia per circa 100 anni. Non avrei mai pensato che sarei diventato un cantautore fino a quando la mia prima canzone è diventata un successo, 15 anni fa”. “All’Eurovision mi sento come a casa: una casa bellissima e pazza“.

Netta parteciperà alla prima semifinale, martedì 8 maggio ore 21 in diretta su Rai4, puntando alla finalissima del 12 maggio che vede già qualificate Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna (Big 5) e Portogallo, Paese ospitante.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...