Dai frati cappuccini di Bergamo l’evento anti-LGBT con la dottoressa omofoba De Mari e Luca “era gay” Di Tolve

di

L'incontro "Bellezza è verità" di fatto è stato un grande spot a favore delle terapie "riparative".

CONDIVIDI
680 Condivisioni Facebook 680 Twitter Google WhatsApp
20917 31

Il 7 luglio scorso il convento dei frati cappuccini di Bergamo ha organizzato, in collaborazione coi circoli legati a Mario Adinolfi, un incontro con la dottoressa omofoba (definizione che la stessa rivendica) Silvana De Mari e Luca Di Tolve, ovvero il Luca la cui storia è stata cantata da Povia nella nota Luca era gay e che si fa promotore di fatto delle cosiddette “terapie riparative” (ritenute inutili e anzi pericolose dalla comunità scientifica internazionale).

Dopo il saluto da parte del padre superiore della comunità, Di Tolve ha iniziato a raccontare la sua storia, sottolineando che gay non si nasce ma lo si “diventa”: ha precisato che lui non è mai stato responsabile delle sue scelte dato che tutta la colpa sarebbe di un fantomatico “stile di vita gay“, frutto di squilibri psicologici e emotivi.

Di Tolve ha insomma portato avanti la classica crociata di Adinolfi contro le famiglie omogenitoriali: ha sostenuto infatti che lui sarebbe “diventato” gay perché in casa sua non c’era “un uomo e una donna”. Ha anche citato fantomatici studi scientifici che dimostrerebbero che l’omosessualità sia causata dai genitori e che i problemi e finanche i suicidi LGBT non sono il frutto del bullismo omofobico ma della mancanza di percorsi di “riconversione”. Non essendoci alcun contraddittorio nessuno è intervenuto a smentire le cose gravissime che Di Tolve stava sostenendo.

L’attivista anti-LGBT ha sostenuto poi che la colpa della sua sessualità sarebbe stata della televisione e di non meglio precisati “pederasti e pedofili“, dichiarando poi di vivere “in castità” e di essere certo che “dall’omosessualità si può uscire visto che non esiste“.

Colpi di grazia poi dalla dottoressa e scrittrice De Mari che, tra le altre cose c’è trovata d’accordo nel ritenere che “la cosiddetta omosessualità che in realtà non esiste“, perché “la sessualità serve solo a fare un bimbo“. Degno di nota poi l’incredibile spot contro l’uso del condom.

Leggi   Monica Cirinnà accoglie il ministro Fontana in Senato con una maglia delle famiglie arcobaleno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...