Rise, il nuovo Glee che guarda all’inclusione LGBT

di

L'esordio di Rise sulla NBC ha totalizzato 5.5 milioni di telespettatori, con la tv italiana al momento silente su una sua eventuale messa in onda.

CONDIVIDI
76 Condivisioni Facebook 76 Twitter Google WhatsApp
4167 0

E’ partita il 13 marzo scorso una serie tv da non perdere di vista, perché felicemente inclusiva nei confronti della comunità LGBT.

Rise, il titolo, progetto NBC da 10 episodi creato da Jason Katims, autore di serie tv come Relativity, Roswell, Friday Night Lights, Parenthood e About a Boy. Protagonista indiscusso Lou Mazzuchelli, professore di lettere che si appassiona alla gestione del teatro scolastico nel liceo in cui insegna da oltre 15 anni. Afflitto dall’indifferenza dei propri studenti, il prof va a caccia di stimoli sul palco, ridando linfa vitale ad un programma di arti teatrali che nel tempo si era perduto. Un ruolo, quello interpretato da Josh Radnor, che ha preso ispirazione da Lou Volpe, insegnante della Harry S. Truman High School nella Contea di Bucks, in Pennsylvania, che aveva già ispirato Drama High, libro di Michael Sokolove da cui la serie NBC è tratta.

Impossibile non pensare a Glee di Ryan Murphy, Brad Falchuk e Ian Brennan, nell’ammirare il pilot di Rise, per un musical-drama che ci riporta nuovamente al centro di un liceo d’America, da vivisezionare attraverso le tante diversità che lo vivono. Radnor è di fatto il nuovo Will Schuester, costretto a dover combattere contro il coach di football che non vuole cedere i suoi campioni al canto e al ballo, mentre tra i suoi studenti si fanno spazio omosessuali evidentemente repressi, perché frenati da famiglie ultra-cattoliche, e giovani transgender FtM. Lo stantio Grease, musical a lungo realizzato dalla scuola, viene coraggiosamente sostituito con Spring Awakening, capolavoro del 2006 in grado di trattare temi come masturbazione, aborto, stupro, omosessualità e suicidio.

Se in Glee si rideva, e tanto, cavalcando il pop più mainstream, Rise guarda ad un pubblico teen ma con fare più adulto, maturo, promettendo prevedibili scontri generazionali che inevitabilmente tratteranno tematiche vicine alla comunità LGBT. Volti conosciuti, a parte Radnor che ha interpretato per 9 stagioni Ted Mosby nella comedy How I Met Your Mother, non ce ne sono, mentre tra i più giovani protagonisti spiccano Auli’i Cravalho, voce originale di Vaiana del film Disney Oceania, il bel Damon J. Gillespie negli abiti del quarterback, il combattuto Ted Sutherland ed Ellie Desautels nei panni di Michael Hallowell, studente trans.

L’esordio di Rise sulla NBC ha totalizzato 5.5 milioni di telespettatori, con la tv italiana al momento silente su una sua eventuale messa in onda.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...