Repressione al Pride di Istanbul: arresti e proiettili di gomma contro i manifestanti

Il corteo ha sfidato il divieto a manifestare imposto da Erdogan.

Turchia
La repressione della polizia al pride di Istanbul.
2 min. di lettura

Hanno sfidato il divieto a manifestare imposto da Recep Tyyip Erdogan e sono stati puniti. Per il secondo anno consecutivo, il Gay Pride di Istanbul si è trasformato in un incubo per migliaia di manifestanti che sono comunque scesi nelle strade della metropoli sul Bosforo ma sono stati fermati dai proiettili di gomma e dagli idranti della polizia.

Una decina di militanti è stata arrestata. Il divieto a manifestare era stato motivato dalle autorità turche con il timore di attacchi da parte di gruppi di estrema destra e con una richiesta da parte degli organizzatori di annullare l’evento. Il comitato del Gay Pride ha però negato.

Repressione al Pride di Istanbul: arresti e proiettili di gomma contro i manifestanti - image 1 - Gay.it

L’omosessualità in Turchia non è illegale ma l’omofobia è molto diffusa e questo è il terzo Gay Pride consecutivo che viene bandito. Negli ultimi anni poi, la stretta autoritaria di Erdogan ha reso ancora più difficile la vita di minoranze e dissidenti. Alla vigilia della manifestazione gli organizzatori avevano rivolto un appello a “non avere paura” e scendere in piazza: “Se sei spaventato, ti cambierai e ti abituerai. Invece dobbiamo mostrare che siamo qui per lottare in nome del nostro orgoglio“.

Repressione al Pride di Istanbul: arresti e proiettili di gomma contro i manifestanti - image 5 - Gay.it

E onorare la memoria di Hande Kader, la trans di 22 anni simbolo del Gay Pride, brutalmente uccisa lo scorso agosto. Era stata lei alla manifestazione del 2016 a sfidare gli idranti della polizia prima di essere arrestata. Per tutto il giorno Istanbul è stata presidiata da una massiccia presenza della polizia che ha fermato chiunque portasse con sé una bandiera arcobaleno, simbolo del Gay Pride. Alcuni manifestanti sono stati persino costretti dalle forze dell’ordine a togliersi la maglietta perché aveva la scritta ‘Pride’. Gli agenti hanno impedito l’accesso a piazza Taksim, ma quando gli attivisti sono cominciati ad affluire e ad aumentare hanno cominciato a sparare proiettili di gomma per disperdere la folla.

Repressione al Pride di Istanbul: arresti e proiettili di gomma contro i manifestanti - image 3 - Gay.it

I video pubblicati mostrano anche l’utilizzo di idranti contro i manifestanti. Secondo alcune fonti, gli attivisti gay sono stati anche attaccati da gruppi di giovani contrari al corteo e ne sono seguiti dei tafferugli.

In segno di solidarietà con l’evento, il consolato olandese ha esposto una bandiera arcobaleno lungo tutta la sua facciata e tra i militanti, riporta la Bbc, erano presenti rappresentanti di diversi governi europei.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 26.6.17 - 10:18

Il Governo della Turchia ha anche pagato inserzioni pubblicitarie sul Corriere della Sera per promuovere l'immagine della Turchia come paese economicamente sviluppato. Bisognerebbe scrivere alla redazione di RCS in Via Solferino. Sul Corriere della Sera di oggi sia di carta sia on-line non c'è una sola riga su questa grave violazione contro la libertà in Turchia. Un caso?

    Avatar
    Rocco Smith 26.6.17 - 13:29

    A onor del vero sul corriere online l'articolo c'è... anche se molto in fondo.. prima devi passare l'articolo su vacchi e altre amenità estive del corriere...

      Avatar
      Giovanni Di Colere 26.6.17 - 17:43

      Ho cercato con google in tutti i modi, si vede che non sono molto booleano. Inserendo "gay pride istambul" nelle prime due pagine non c'è nulla del Corriere. Che lamma ha inserito Lei? Secondo me non l'hanno indicizzato.

        Avatar
        Rocco Smith 26.6.17 - 18:12

        Ho scorso il sito fino quasi alla fine. Ho cercato ora ma probabilmente lo hanno tolto ma l'ho fotografato questo pomeriggio ;) https://uploads.disquscdn.com/images/90ab8bbefd28ca3701ef197f4e86035e055341f5a47afe1cdfe06594bdbbec74.jpg

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: "Una minaccia per la famiglia tradizionale" - Erdogan - Gay.it

Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: “Una minaccia per la famiglia tradizionale”

News - Redazione 27.10.23
erdogan lgbtiq

Erdogan imbarazzante per Nato e Occidente: “Diritti LGBTIQ+ una degenerazione”

News - Giuliano Federico 10.10.23
turchia spot lgbtiq erdogan

Turchia, minacce di morte per lo spot contro l’omobitransfobia, che è stupendo – VIDEO

News - Redazione 29.9.23