Reverendo confessa: “Facevo parte di un sito per preti gay”

La rivelazione shock arriva da Dallas, negli States, dove un alto prelato ha scelto, “per il bene della comunità”, di raccontare la sua attività a supporto dei sacerdoti gay.

Confessione shock di un prete, cattolico, della diocesi di Dallas che ha ammesso di avere fatto parte della comunità che stava dietro un sito web per preti gay. La decisione del Reverendo Mellison di rivelare questo lato oscuro della sua vita, sarebbe stata presa "per il bene della comunità".

Il sito in questione è chiuso dal 2001, data che coincide con l’uscita del reverendo da quella comuità sulle cui pagine web appariva anche la foto di Mellison e il cui scopo dichiarato era quello di supportare tutti i preti gay che non potevano soddisfare le loro esigenze sessuali a causa del voto di castità fatto. Col tempo, però, il sito era diventato semplicemente un luogo ‘sicuro’ dove trovare foto porno maschili. Da lì, la chiusura 7 anni fa. 

Il prelato, nonostante le recenti rivelazioni, resta molto amato dalla sua comunità di fedeli, evidentemente priva dei pregudizi che invece dominano le alte sfere vaticane.

Ti suggeriamo anche  Tiziano Ferro: "Da cattolico sono arrabbiato ma credo nel miracolo di una Chiesa che ami i gay"
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni