ROMA: GAY PICCHIATI IN CENTRO

Camminavano mano nella mano. Poi un gruppo di giovani di estrema destra li ha bloccati: “Non potete andare in giro”. E giù botte. Denunciati gli aggressori. Uno è stato identificato.

ROMA – Sembra paradossale che nel 2005 accadano ancora episodi di violenta omofobia in una via del centro di una grande città come Roma. Eppure l’odio verso i gay continua a manifestarsi sfacciatamente. E’ successo nel pomeriggio di sabato 23 aprile, in via del Corso: due ragazzi passeggiavano mano nella mano non lontano dal luogo in cui in cui alcuni militanti di ultradestra stavano manifestando per chiedere l´abolizione della festa del 25 aprile. «Voi gay non ci potete andare in giro…» avrebbero detto gli aggressori ai due ragazzi, secondo quanto riferito dall’edizione romana di Repubblica. E alle parole, hanno fatto seguire i fatti: una scarica di calci e pugni alla faccia e alla pancia, sotto gli occhi di passanti e turisti, alcuni dei quali sono intervenuti per soccorrere i giovani.

«Quando hanno cominciato a insultarci erano in tre poi sono arrivati altri – ha racconta a Repubblica Franco, 23 anni, studente universitario di Tor Vergata – Ci hanno detto che non potevamo andare in giro tenendoci per mano. “Ma dove vi credete di essere, ve ne dovete andare…” mi ha urlato uno di loro. Gli ho risposto: “Io vado come e dove voglio”. È stato allora che quello mi ha tirato un calcio in pancia. Poi sono arrivati gli altri e ci hanno picchiato».

Ti suggeriamo anche  Le spiagge gay in Toscana, Lazio, Marche

L’aggressione è durata pochi istanti, sufficienti per lasciare sui due ragazzi contusioni e ferite che i medici del pronto soccorso del San Giacomo dove i due sono stati portati, hanno giudicato guaribili in dieci giorni. Gli autori sono fuggiti subito, ma uno di loro è già stato riconosciuto dalle vittime e identificato dalle forze dell’ordine. Ora gli investigatori dovranno accertare se appartiene ai gruppi che manifestavano dietro la bandiera con la croce celtica. Oltre al reato di lesioni potrebbe essere contestato l´incitamento all´odio razziale. «Abbiamo deciso di presentare denuncia perché speriamo che quei picchiatori non la facciano franca – hanno detto i due giovani a Repubblica – Non solo noi ma tutti devono essere liberi di poter camminare per strada senza paura».

Indignazione è stata espressa anche dal Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli: «Mentre l´Europa si avvia sempre più a riconoscere i diritti civili delle persone omosessuali e transessuali, in Italia una campagna moralizzante fatta di dichiarazioni incaute e intolleranti nei confronti di ogni persona che si discosti da un supposto `ordine naturale e religioso´, produce ancora violenza» scrivono gli attivisti del circolo.

Il Mario Mieli ricorda che «a Roma gli episodi di intolleranza e di violenza fascista verso persone della comunità gay lesbica e transessuale si ripetono con inquietante frequenza. Il vero scandalo è consentire a queste persone di continuare a esporre liberamente i loro simboli offensivi e razzisti, inneggianti all´odio. E´ tempo che tutti i cittadini reagiscano per dire basta alla violenza e all´intolleranza e che le istituzioni intervengano con decisione! Siamo stufi delle generiche condanne di circostanza a cui non seguono mai atti concreti. Il circolo Mario Mieli mette a disposizione gratuitamente il proprio servizio legale ai due ragazzi aggrediti e annuncia che i propri soci, il prossimo 17 maggio, prima giornata mondiale contro l´omofobia, scenderanno in piazza, tutti mano nella mano».

Ti suggeriamo anche  Aggressione omofoba a Roma: in tre pestano un 21enne

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Movimento Omosessuale.

Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni