Salerno: convegno sulle nuove famiglie

“Famiglie Diverse” è il titolo del convegno che si svolgerà sabato 27 novembre, alle ore 18,00, presso la “Sala Genovesi” della Camera di Commercio di Salerno.

SALERNO – “Famiglie Diverse” è il titolo del convegno che si svolgerà sabato 27 novembre, alle ore 18,00, presso la “Sala Genovesi” della Camera di Commercio di Salerno.

L’incontro è stato promosso dall’Associazione Diritti Civili a Salerno e intende rappresentare l’attuale stato della discussione sul riconoscimento delle nuove famiglie.

Al convegno, che si aprirà con un saluto del Sindaco di Salerno Mario De Biase, parteciperanno tra gli altri: l’On. Franco Grillini (DS), primo firmatario della proposta di legge PACS (Patti civili di solidarietà); Daniele Capezzone (Segretario dei Radicali Italiani); l’On. Carmelo Conte (Costituente Riformista); l’On. Fausto Corace (Capogruppo SDI alla Regione Campania); dott. Antonio Cavallo, coordinamento ass. ni GLBT in Campania; Pasquale Quaranta (Arcigay di Salerno); Paolo Costagliola (PRC – Circolo Carlo Giuliani). Michele Capano (Radicali Italiani); Francesco Colucci (Consigliere Comune di Salerno).

L’incontro rappresenta anche un momento di riflessione e di analisi sulla proposta di istituzione del “Registro delle Unioni Civili” discussa (e poi ritirata) lo scorso anno dal Consiglio Comunale di Salerno. Allora, il dibattito si arenò su pregiudizi e miopi riferimenti alla precettistica cattolica. Oggi, almeno nelle intenzioni dell’associazione Diritti Civili a Salerno, con un approccio laico e liberale, le Famiglie Diverse potrebbero invece essere un momento di conoscenza della nostra società ed una possibilità per migliorarla.

Ti suggeriamo anche  L'unione civile di due donne palermitane dopo 45 anni dalla loro fuitina
Attualità

Omofobia, Pillon attacca la legge: “liberticida, orwelliana, con psicopolizia che vigilerà sul pensiero dei cittadini”

Il senatore leghista è tornato ad attaccare la nostra comunità, disegnando i lineamenti di un futuro catastrofico e distopico a causa della legge contro l'omobitranslesbofobia.

di Federico Boni