Allarme: arriva la gonorrea che resiste agli antibiotici

di

Una nuova mutazione genetica del batterio, da sempre curato con le cefalosporine, lo rende pericolosamente resistente agli antibiotici. Allarme tra medici e pazienti

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1533 0

Una nuova forma di gonorrea si sta diffondendo allarmando medici e pazienti. La particolarità di questo ceppo è che resiste agli antibiotici.
Fin dalla sua identificazione negli anni ’40, questa particolare malattia sessualmente trasmissibile è stata curata con successo grazie agli antibiotici, ma la nuova forma di Neisseria gonorrhoeae è geneticamente mutata per eludere le cefalosporine, la categoria di antibiotici usati per sconfiggerla.

"E’ una scoperta tanto allarmante quanto prevedibile – a dichiarato il ricercatore Manus Unemo, provessore al Swedish Reference Laboratory for Pathogenic Neisseria di Örebro, in Svezia -. Dal momento in cui gli antibiotici sono diventati il trattamento standard per la gonorrea, negli anni ’40, questo batterio ha mostrato notevoli capacità di sviluppare meccanismi di resistenza a tutti i farmaci utlizzati per controllarlo".
Questo potrebbe trasformare la gonorrea da MTS trattabile a vero e proprio pericolo per la salute pubblica a livello globale".

"Anche se è ancora troppo presto per dire con certezza se questo nuovo ceppo sia diffuso – ha aggiunto il ricercatore – , la storia di questa nuova forma di resistenza del batterio suggerisce che potrebbe diffondersi velocemente, a meno che non vengano sviluppati nuovi farmaci e terapia efficaci".
La gonorrea non trattata, oltre a peggiorare tutti i sintomi tipici della malattia, può portare a infezioni del sangue, sterilità dolore cronico alle giunture e anche alla cecità.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...