ECCITARSI PER I CAPELLI LUNGHI

Per molti sono fuori moda, ma le chiome fluenti hanno una parte importante nella storia gay. E se gli anni 70 sono passati, come mai tanti siti internet hard hanno immagini di capelloni?

Prima degli anni 60 i capelli lunghi erano sinonimo di mascolinità dubbia. Anche se i Beatles e gli hippy hanno cambiato questo modo di pensare rendendo le chiome estese di moda anche per gli etero, è difficile per i gay più giovani capire il valore simbolico che i capelli lunghi hanno avuto per una intera generazione di omosessuali. Tra la fine degli anni 60 e l’inizio dei 70, quando è nato il radicalismo gay moderno, i capelli lunghi volevano dire anticonformismo, sensualità e sfida alle rigide norme di genere. «Ricordo – dice un uomo di mezza età, ora quasi calvo – come mi sentivo sexy e libero con tutti i miei capelli che ciondolavano».

I tempi passano e le mode cambiano. Tra i giovani gay le acconciature hippy ribelli hanno lasciato il passo ai tagli corti iper-mascolini. Ma alcuni continuano ad ammirare i lunghi riccioli perché, tra le altre cose, i capelli li eccitano. Dice il quarantenne Paul: «Trovo difficile spiegare perché trovo i capelli lunghi così eccitanti. Ci sono tipi che si eccitano per la pelle o per i tagli militari, ed è la stessa cosa. Forse è un feticcio ma mi sembra qualcosa di più».

Dopo tutto i capelli lunghi possono essere un piacere dei sensi. Dice un top dall’aspetto molto rude con un debole per le chiome fluenti: «Adoro vedere un ragazzo nudo steso sul letto con i capelli come un’aureola sul cuscino. E poi, quando un uomo capelluto mi dà la sua testa ho qualcosa a cui aggrapparmi, e uso i capelli come un guinzaglio per dirigergli la bocca».

Ma anche se siamo una comunità che si suppone debba celebrare la diversità, sembra che molti froci abbiano l’esclusiva di ciò che fa moda. Dice Paul: «A volte incontro uomini che hanno un atteggiamento negativo nei confronti miei e di chi porta riccioli estesi. Fanno commenti del tipo ‘dovresti farti un taglio militare, gli anni 60 sono finiti’. E tutte le pubblicità nelle riviste gay presentano uomini con i capelli cortissimi. Ma quelli che fanno le pubblicità non si rendono conto che non tutti amiamo le stesse cose negli uomini?».

Forse una parte del problema sta nel fatto che nel corso degli anni i capelli lunghi sono stati spesso associati con gruppi che non hanno molto in comune coi gay: le band heavy-metal, i lottatori professionisti, i Grateful Dead. Ma forse in parte ha a che fare con i mutamenti nella definizione di sé di molti gay: ora c’è meno ribellione, meno commistione tra i generi. E i capelli lunghi sugli uomini sono il segno di una generazione che è diventata di mezza età e perciò, si suppone, meno sexy.

«So che non è una questione particolarmente rilevante, piuttosto una scocciatura di poco conto – continua Paul – ma ho avuto anche amici che mi dicevano che preferivano i capelli lunghi ma che li tagliavano per sentirsi ‘in’». Così un giorno, dopo aver guardato un documentario in TV sui primi tempi delle marce gay, notando come la gente avesse un aspetto decisamente diverso, Paul ha deciso di prendere una decisione drastica e ha fondato un gruppo chiamato “Queers Who Shun Shears” che suona come “froci che rifuggono il rasoio”. Sono coinvolti una dozzina di uomini capelloni che intendono partecipare ai Pride e aprire un sito web.

Una cosa è certa: le tendenze possono andare e venire ma il feticismo resta. Esistono siti che ospitano immagini di uomini nudi e con i capelli lunghi accanto a appassionati dei piedi o schiavi legati con corde e catene. E, come sottolinea il top rude, i capelli possono diventare un divertente strumento erotico: «Si possono fare molte più cose con i capelli lunghi che con il taglio militare. Mi piace quando mi massaggiano i piedi con i capelli o che li usino per avvolgere la mia erezione. Mi sento grande».

Leggi   Daddy is cool, ma occhio alla cura della pelle

Ricordate che molte mode vengono riciclate: i vestiti usati dell’anno scorso sono lo stile di punta del prossimo anno. Perciò non buttate via la vostra vecchia spazzola; come le scarpe con le zeppe o i pantaloni a zampa d’elefante, i capelli lunghi, setosi, oltre le spalle e i cespugli afro possono fare il loro ritorno prima che pensiate. E nel frattempo Paul e i suoi amici impazzirebbero per vederli dal vivo.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Sesso.

di Simon Shephard – Gay.com UK