Escort alla riscossa

Comunque la si pensi, gli escort sono una realtà in espansione. E mentre in Italia è un tabù che sta per cadere, in Usa c’è anche un ‘International Escort Award’.

Quando si parla di escort e prostituzione maschile si innescano quasi automaticamente delle reazioni molto forti e spesso contrastanti. Il rapporto con la sessualità è una questione molto personale, ed è inevitabile che ciascuno abbia un’opinione diversa su chi sceglie di mettere in commercio la propria. Quello che però lascia perplessi è l’accanimento di chi esprime giudizi negativi al riguardo pur conoscendo solo superficialmente questa realtà. In parte ciò è dovuto alla cultura sessuofobica del nostro paese, ma probabilmente le ragioni sono da cercare anche altrove. 

Confrontiamo, ad esempio, il diverso valore simbolico che la cultura italiana e quella anglosassone attribuiscono al denaro: per noi è un male necessario con cui confrontarsi, mentre nei paesi protestanti è considerato una ricompensa per i propri meriti. Anche per questo chi lavora col sesso e riesce a guadagnarci bene si ritrova ad essere considerato in maniera diametralmente opposta in Italia e nelle metropoli  nordeuropee e statunitensi. Ed è anche per questo che le offerte di sesso a pagamento da parte di ragazzi della classe media senza particolari problemi economici o esistenziali (come gli studenti universitari) da noi sono una novità abbastanza recente, mentre negli USA sono una costante almeno dagli anni 50. Sicuramente sono in aumento anche i ragazzi che si prostituiscono per cause di forza maggiore e senza esserne convinti, ma di certo in quel caso non si tratta di escort nel senso professionale del termine.

Ti suggeriamo anche  San Francisco avrà un nuovo memoriale dedicato ad Harvey Milk

A riprova del fatto che la figura dell’escort può essere sdoganata e normalizzata basta citare i numerosissimi siti (ovviamente non italiani) specializzati nella promozione di questi professionisti e dei loro servizi, con prezziari, recapiti e schede dettagliatissime. Molti siti di questo tipo lasciano lo spazio anche per le recensioni e i commenti dei clienti, in modo da offrire un servizio trasparente e onesto per tutti. 

Uno dei maggiori siti di questo tipo, rentboy.com, ha persino istituito un premio al miglior escort dell’anno, l’Escort Award Show, che è arrivato alla sua seconda edizione e che quest’anno verrà celebrato il 22 marzo a West Hollywood. Ovviamente in Italia sarebbe improponibile perché da noi, dovendo applicare la famosa legge Merlin del 1958, si configurerebbe il reato di favoreggiamento della prostituzione. Forse è anche per questo che in Italia di prostituzione si parla molto poco e, soprattutto, raramente si dà la parola a chi lo fa con vocazioni professionali. Ultimamente, però, qualche tentativo di affrontare l’argomento è stato fatto col secondo ciclo de ‘I viaggi di Nina’ trasmesso da La7 e con un DVD appena uscito per la Babele Video col titolo ‘Escort – una storia d’amore‘. Quest’ultimo, in particolare, è un documentario che mostra per la prima volta senza censure e in presa diretta la vita di una coppia di escort gay residenti in Italia. Forse anche il nostro paese sta iniziando a stancarsi di tutta questa omertà e questi falsi moralismi? Staremo a vedere.

di Valeriano Elfodiluce