Vera arte o solo porno?

L’evoluzione del porno, dai tempi della clandestinità all’era di Internet, porta anche a parlarne anche al di fuori del settore e addirittura come una possibile forma d’arte.

Sicuramente per la maggior parte delle persone un pornoattore è semplicemente una persona che rende pubblici i propri atti sessuali attraverso vari canali mediatici, rivolgendosi a un pubblico più o meno vasto che necessita di un complemento visivo per rendere più appaganti le proprie fantasie masturbatorie. Per  gli esperti del settore il discorso è decisamente più ampio e la definizione sopracitata, oggi, non potrebbe risultare in alcun modo soddisfacente. Probabilmente aveva senso quando la pornografia era ancora clandestina (prima, cioè, della liberazione sessuale), e quando non aveva a disposizione grandi budget e non poteva permettersi il lusso di selezionare più di tanto i cast delle proprie produzioni.

Da allora, però, la pornografia è stata sdoganata dai cinema a luci rosse, dall’home-video e, infine, da internet, e ognuno di questi passaggi ha contribuito ad ampliare il suo pubblico e le sue potenzialità in maniera a dir poco esponenziale. Per lo stesso motivo è più o meno dagli anni ’90 che il termine pornoattore (o pornostar, per i professionisti più popolari) viene considerato troppo generico, visto che in teoria include anche tutti coloro che realizzano prodotti amatoriali, all-sex, gonzo (video girati in prima persona mentre si fa sesso), e – in teoria – comprenderebbe anche coloro che si fanno riprendere mentre praticano del semplice autoerotismo. Quando, fra gli anni ’80 e ’90, c’è stato il boom dell’home-video e una conseguente crescita della richiesta, i registi e le case di produzione che comunque preferivano puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità hanno iniziato ad usare il termine "attore hard" (abbreviazione di hardcore, "centralmente duro" ovvero "esplicito") per indicare i veri professionisti del settore.

Ti suggeriamo anche  "Grazie, Signor Jigglypuff!" ovvero il nostro primo amico gay sullo schermo

Oggi, però, soprattutto per quel che riguarda l’ambito gay, il termine più usato per indicare i professionisti dell’hard è porn performer, nel senso di "individuo che esegue una performance". La scelta non è casuale, perché il termine inglese performance deriva dall’omonima parola francese che indica una "prestazione", ma si applica anche a tutte quelle forme d’arte dove l’azione di un individuo o di un gruppo costituiscono l’opera d’arte stessa. Oggi la pornografia di qualità mira a diventare una vera e propria forma d’arte? Non è certo questa la sede per disquisire sul concetto di arte, ma questa associazione di idee non è poi così sacrilega se pensiamo a come la storia dell’arte sia sempre caratterizzate da una buona dose di sollecitazioni erotiche (più o meno velate) e di scandali. Oltretutto dietro a un video hard di qualità c’è il lavoro di vari professionisti: registi (che spesso sono anche gli ideatori dei video), direttori della fotografia, truccatori specializzati, tecnici luci, scenografi e persino compositori.

Senza contare che, rimanendo sempre nell’ambito del porno di qualità, ci sono dei veri e propri soggetti e i gay porn performer devono – entro certi limiti – essere in grado di interpretare il ruolo che di volta in volta gli viene assegnato. Sia come sia, è indubbio che è questa nuova percezione della pornografia, e in particolare di quella gay, che sta portando un crescente numero di performers ad avere una visibilità impensabile fino a pochi anni fa, con tanto di apparizioni pubbliche nelle TV generaliste di diverse nazioni. Ma non sono solo i performers propriamente detti a farsi avanti. Negli USA il talk show pomeridiano condotto da Tyra Banks, ha appena parlato del fenomeno gay-for-pay, con tanto di veri gay-for-pay in studio. Non che ci sia bisogno di ribadirlo qui, ma è evidente che in un paese come il nostro, capace di censurare  Brokeback Mountain in seconda serata, mancano gli spazi per sdoganare – anche in minima parte –  certi argomenti o per intavolare un discorso sensato sul valore artistico, vero o presunto, della  pornografia gay. A voi decidere se questo sia un bene o un male.

Ti suggeriamo anche  Pornhub, ecco cosa cercano uomini e donne in Italia

di Valeriano Elfodiluce