Virilità in chat

In chat devi evitare passi falsi, altrimenti sfuma la grande occasione. Tutti cercano virilità, ma saranno davvero così virili questi, o sono solo i più frustrati di tutti?

Ormai classico contemporaneo dell’abbordaggio, la chat è luogo dove si sognano alchimia di pelle e comunanza di fantasie sessuali con sole quattro sciocchezze scritte ad uno schermo. Dove ci si immerge a volte in corrispondenze fittissime di pensieri ed emozioni, affidando i propri segreti a un misterioso sconosciuto con cui si stabilisce una confidenza antica ancor prima di sapere chi è. E soprattutto se esiste.

Le prospettive della chat sono troppe per stilare un cataloghino, e anche troppo note ormai – non solo in ambito gay. L’angolo in cui mi aggirerò sarà quindi per necessità ristretto, non me ne voglia chi lo troverà privo di interesse. Il buon senso consiglierebbe infatti di chiudere quando dall’altra parte dello schermo fluiscono a getto continuo aggressività gratuita e una volgarità priva di fantasia.

Come nel caso che riporto, quando dialogai con uno dal nick sibillino (il nome di battesimo lo sostituisco con una discreta incognita) che, attaccandomi, non sapeva di invitarmi a nozze. Ma, se è svelato il motivo di tanta (puerile, lo ammetto) ostinazione da parte mia, resta oscuro perché lui continuasse a rispondermi, con costanza e qualche licenza lessicale.

[email protected]: ciao

Mazzini: ho capito come ci conosciamo

[email protected]: cosa hai capito

Mazzini: chi sei: ho visto la foto

[email protected]: e allora

Ti suggeriamo anche  Milano, incontri sessuali e poi il ricatto: arrestato senegalese

Mazzini: che fai? lavori?

[email protected]: ciao

Mazzini:?

[email protected]: devi scopare con il lavoro? Tutte checche depresse

Mazzini: tutte

[email protected]: vattene

Mazzini: pensavo tu non lo fossi, per quello ti avevo contattato

[email protected]: sono io, è importante x te uno che lavoro fa?

Mazzini: come checca mi andavi bene ma depressa no, mi spiace

[email protected]: ma vatene

Mazzini: ma che lavoro fai?

[email protected]: senti te ne vai depressa

Mazzini: ma tu non volevi fare sesso? se me ne vado come facciamo?

[email protected]: hai cam

Mazzini: sì

[email protected]: e vediamoci

Mazzini: dal vivo

[email protected]: in cam

Mazzini: meglio dal vivo, mi piace di più

[email protected]: ciao

Mazzini: ciao, come stai?

pausa

Mazzini: non ti va?

[email protected]: no

Mazzini: e perché?

[email protected]: cerco contatto in cam

Mazzini: eri così deciso nel sito, pensavo cercassi sesso

[email protected]: e so deciso

Mazzini: e pensa se non eri deciso

[email protected]: ci vediamo in cam? Allora? non ti va piu? vuoi cazzeggiare

Mazzini: di fare sesso sì, della cam dipende

[email protected]: bello e vattene

Mazzini: ok, mi va

Comincia la videochiamata.

Mazzini: sei arrabbiato

[email protected]: te vedo male

Mazzini: anche io un po’

[email protected]: ti fai vedere bene? ce troppa luce e ti vedo male

Mazzini: anche da te c’è troppa luce: è giorno

Ti suggeriamo anche  Millennials, anche tra gli etero si diffonde il sesso anale

[email protected]: mi hai rotto il cazzo. mattebne a fanculo

Mazzini: ma perché sei così aggressivo?

Finisce la videochiamata.

Mazzini: ma non facciamo sesso?

[email protected]: ma non capisci? o vuoi fare il coglione

Mazzini: no. volevo far sesso

[email protected]: ti ho detto ti fai vedere bene in cam. Capisci? litaliano

Mazzini: sì ma cosa volevi vedere

[email protected]: senti, lascia stare

Mazzini: vuoi che mi spoglio

[email protected]: te sei de goccio. ciao

Mazzini: ma su, ormai ci conosciamo. ci piacciamo

[email protected]: vuoi fare troppo la checca

Mazzini: e almeno scopiamo, no?

[email protected]: e non mi inderessi. so maschio. e cerco maschio

Mazzini: io pure

[email protected]: capito? No. cxiao

Mazzini: maschissimo sono. l’ho letto sul tuo profilo

[email protected]: ma va a fanculo

Mazzini: ma forse non cerchi sesso tu. guardiamoci in cam

[email protected]: non cerco sesso. ciao

Mazzini: sì che cerchi sesso, me lo hai detto

[email protected]: non cerco sesso

Mazzini: su

[email protected]: ma hai lorgoglio? ti ho detto non mi inderessi

Mazzini: ho la voglia

[email protected]: non mi inderessi. non mi inderessi

Mazzini: ma almeno fammelo vedere così posso decidere anche io

[email protected]: sei checca x i mie gusti. ciao

Mazzini: ma non sono checca per i miei di gusti, mica puoi solo decidere te.

[email protected]: TI HO DETTO NON FAI X ME. CELAI LORGOGLIO

Ti suggeriamo anche  Ho 10 canzoni con cui fare sesso e posso ospitare

Mazzini: ma che mi frega dell’orgoglio? voglio succhiartelo. Non ti va? Sono molto brava. Pardon, bravo…

 

Flavio Mazzini, trentacinquenne giornalista, è autore di Quanti padri di famiglia (Castelvecchi, 2005), reportage sulla prostituzione maschile vista "dall’interno", e di E adesso chi lo dice a mamma? (Castelvecchi, 2006), sul coming out e sull’universo familiare di gay, lesbiche e trans.

Dal 1° gennaio 2006 tiene su Gay.it la rubrica Sesso.

Per scrivere a Flavio Mazzini clicca qui

di Flavio Mazzini