Adam Rippon vittima di omofobia a New York

Adam Rippon e l’amato Jussi-Pekka Kajaala vittime di omofobia a New York.

Primo storico atleta d’America dichiaratamente gay ad essersi qualificato ai Giochi Olimpici invernali, Adam Rippon ha confessato dalle pagine di Attitude un brutto episodio di omofobia vissuto sulla propria pelle.

Il 28enne pattinatore, da mesi ufficialmente fidanzato con il finlandese Jussi-Pekka Kajaala, è stato infatti verbalmente aggredito insieme al compagno nel cuore di New York.

“Stavo camminando per New York tenendo la mano del mio ragazzo. Un tizio si è avvicinato a noi e ci ha detto: “Odio i froci”, poi è scappato. Mi sono detto, “è così triste che qualcuno voglia ancora fare cose simili”.

Rippon, che sarà presto in tv grazie ad un cameo nella decima stagione di Will and Grace, è di fatto diventato la ‘stella’ americana delle Olimpiadi di PyeongChang, in Corea del Sud, vincendo una medaglia di bronzo. In aperto contrasto con le politiche della Casa Bianca, Adam si è inoltre rifiutato di incontrare il vice-presidente Mike Pence, da sempre dichiaratamente omofobo.

Ti suggeriamo anche  Birmania, attore fa coming out: 'sono chi sono, amo chi amo'
Storie

Papà contrario ai matrimoni gay si chiede, “perché mio figlio e suo marito non mi parlano più?”

L'uomo si è addirittura augurato che il matrimonio di suo figlio finisse. Ora chiede a lui di accettare la sua contrarietà alle nozze gay.

di Federico Boni