Manchester United, arrivano i bagni di genere neutro all’Old Trafford

Storica novità in arrivo al mitico Old Trafford di Manchester. I bagni per i tifosi transgender.

Se in campo non se la sta passando affatto bene, con l’allenatore José Mourinho a rischio esonero dopo un mese di risultati a dir poco negativi, il Manchester United potrebbe presto fare la storia della Premier League grazie ai … servizi igienici.

Secondo quanto annunciato dal capo della sicurezza Jim Liggett, il mitico Old Trafford, tempio da 80.000 tifosi, potrebbe presto abbracciare i primi bagni di genere ‘neutro’ della Premier League. Toilette pensate per i tifosi transgender, ad oggi discriminati rispetto al resto dei supporter.

Un fan dello United ha pubblicamente chiesto al club l’installazione di servizi igienici di genere neutro, con il capo della sicurezza che ha annunciato il loro possibile imminente arrivo

È qualcosa a cui stiamo pensando poiché desideriamo assicurare che l’Old Trafford continui ad essere accogliente e inclusivo per tutti i sostenitori. Ti terrò informato. Il nostro impegno per l’uguaglianza, la diversità e l’inclusione è importante in tutto ciò che facciamo e lavoriamo costantemente con le parti interessate, tra cui l’associazione LGBT Stonewall, nel trattare questi argomenti“.

Nel 2016 il club appoggiò il Pride cittadino con una fascia rainbow, da far indossare al proprio capitano, scatenando l’ira dei fan omofobi.

LEGGI ANCHE

Storie

Sardegna al voto, lettera aperta ai candidati sui diritti civili...

Le associazioni sarde chiedono un impegno concreto sui diritti civili ai candidati alla presidenza della Regione Sardegna.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Netflix, il meraviglioso corto gay per celebrare la depenalizzazione dell’omosessualità...

Una storia d'amore gay in poco più di due minuti per San Valentino. L'omaggio di Netflix India alla comunità LGBT.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Intersex, l’Italia intervenga per tutelare i bambini: l’appello di Certi...

Tra i 21 Paesi UE senza una normativa adeguata sui diritti delle persone intersessuali, ovviamente, c'è l'Italia.

di Federico Boni | 16 Febbraio 2019