Olivier Giroud, ‘nel calcio è impossibile fare coming out. Vi spiego perché’

di

L'attaccante del Chelsea, da sempre vicino alla comunità LGBT, parla del tabù omosessualità nel calcio dalle pagine de Le Figaro.

CONDIVIDI
302 Condivisioni Facebook 302 Twitter Google WhatsApp
1783 0

32enne attaccante del Chelsea e della nazionale francese, vicecampione d’europa nel 2016 e campione del mondo nel 2018, Olivier Giroud è probabilmente uno dei calciatori più belli del panorama internazionale.

Intervistato dal quotidiano francese Le Figaro, Giroud, nel 2012 apparso splendido e a torso nudo sulla copertina della rivista LGBT Tetu, ha affrontato il tema dell’omosessualità nel mondo del calcio, ribadendo tutte le difficoltà nel gettare la maschera in un sport ancora oggi fortemente omofobo.

“Nel calcio è impossibile dichiararsi omosessuale”. “Il giorno in cui ho scoperto che l’omosessualità è un tabù per il calcioè quando ho visto il tedesco Thomas Hitzlsperger raccontarsi, nel 2014: è stato molto emozionante. È qui che mi sono detto che era impossibile mostrare la proria omosessualità nel nostro mondo”.

Hitzlsperger, ex giocatore della Lazio, ha oggi 36 anni e ha deciso di dichiarare la propria omosessualità solo a carriera conclusa, nel 2014. A detta di Giroud negli spogliatoi di tutte le squadre “c’è molto testosterone, si sta tutti insieme, ci sono le docce collettive. È difficile ma purtroppo è così. Capisco il dolore e la difficoltà dei ragazzi nel fare coming out, è una vera e propria prova dopo aver lavorato su se stessi per anni“. Olivier è sempre stato al fianco della nostra comunità, tanto da definirsi “ultra-tollerante su questo argomento: quando giocavo a Montpellier mi trovai al centro di questa battaglia alla causa posando nudo per il magazine Tetu. Inoltre quando ero all’Arsenal e mi chiesero di indossare i laccetti colorati contro l’omofobia, lo feci senza pensarci su due volte. C’è ancora moltissimo lavoro da fare nel mondo del calcio su questa materia“.

Vero, verissimo, ma solo attraverso il coming out quell’ultra-centenario tabù che stritola chissà quanti calciatori professionisti potrà finalmente cadere.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...