Indagine europea sulle persone LGBT nello sport: 9 su 10 considerano l’omo-transfobia un problema

di

Numeri preoccupanti dalla prima indagine europea che ha coinvolto oltre 5500 sportivi LGBT. Spesso vittime di omotransfobia.

calciatori gay
CONDIVIDI
95 Condivisioni Facebook 95 Twitter Google WhatsApp
912 0

L’omo-transfobia è un problema quanto mai attuale, anche nel mondo dello sport.

La conferma arriva da Glasgow, dove il team dell’Istituto di Sociologia e studi di Genere dell’Università dello Sport di Colonia, guidato dalla professoressa Ilse Hartmann-Tews, ha esposto i primi risultati della survey sull’esperienza sportiva delle persone LGBTI+, condotta nell’ambito del progetto Eramus+ “Outsport”.

La ricerca è la prima indagine di questo genere condotta a livello europeo e ha raccolto risposte da oltre 5500 partecipanti dai 28 Paesi dell’UE. La maggioranza dei partecipanti si sono identificati di genere femminile (48%), seguiti da un 39% di genere maschile e dal 13% non binari. Il campione vede partecipanti dai 16 ai 78 anni, con una forte adesione di under 25. Quanto all’orientamento sessuale il 32% si sono definiti gay, il 25% lesbiche, il 25% bisessuali e il 18% altro.

Dalle risposte date è emerso che 9/10 del campione totale considera l’omofobia e la transfobia nello sport un problema attuale. Il 12% di coloro che praticano regolarmente attività sportiva riporta esperienze negative negli ultimi 12 mesi a causa del loro orientamento sessuale e/o identità di genere. Spiccano gli insulti omofobici e transfobici (82%) e la discriminazione (75%), ma preoccupano soprattutto i casi dichiarati di maltrattamenti e violenze fisiche (38%), così come le minacce verbali (45%). La percentuale di chi ha subito esperienze negative negli ultimi 12 mesi sale fino al picco del 31% per le donne transgender (MtoF).

La mole dei dati raccolti è notevole e ancora oggetto di studio ed analisi. Il rapporto completo sarà pubblicato all’inizio del prossimo anno.  Oustport è coordinato da AICS (Italia) e ha come partner Leap Sports (Scozia), VIDC (Austria), Frigo (Ungheria), e appunto la German Sport University di Colonia (Germania) come pilastro scientifico.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...