Amanda Lepore a RuPaul, ‘fai uno spin-off drag per ragazze biologiche e transessuali’

Perché non fare un’edizione di RuPaul’s Drag Race solo per donne biologiche e transgender?

50enne transessuale nonché musa del fotografo David LaChapelle, Amanda Lepore è intervenuta sulla chiacchierata polemica nata dal ‘niet’ di RuPaul alle drag transgender nel suo celebre show.

Travolto dalle critiche il 57enne RuPaul ha chiesto scusa, ma la discussione è montata e ha continuato a dividere il web, tra favorevoli e contrari. Intervistata da Gay Star News, Amanda si è concessa un ‘consiglio’ alla mitologica drag queen.

Io rispetto RuPaul. Tra le altre cose quello è il suo spettacolo, quindi può fare e dire quello che vuole. Ma credo che dovrebbe inventarsi uno spin-off o qualcosa del genere, pensato per ragazze biologiche e transessuali“.

Ma avrebbe davvero senso una donna drag queen? La domanda si potrebbe definire pertinente, con lo stesso RuPaul dichiaratamente indispettito dalla presenza di una trans nello show perché a suo dire ‘avvantaggiata‘ rispetto agli uomini in gara. Nel dubbio la Lepore ha gettato l’amo.

Ti suggeriamo anche  RuPaul’s Drag Race 12, Nicki Minaj special guest: annunciato il cast ufficiale
Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo