Arcigay scrive alla Rai: “Censuri il sig.Apicella”

L’associazione manda una lettera aperta all’azienda dopo gli insulti di Apicella a Malgioglio: “Dia la possibilità ai gay di partecipare a programmi di buona qualità e non solo a trasmissioni rissose.

L’ennesima uscita omofoba trasmessa dalla TV italiana, quella di Mariano Apicella contro Cristiano Malgioglio all’Isola dei Famosi, insieme al modo in cui è stato trattato da molti media l’omicidio di una trans a Milano, ha suscitato la reazione di Arcigay che ha inviato oggi una lettera aperta al presidente della Rai, al presidente della Commissione di Vigilanza ed ai suoi componenti.

"Ancora una volta – scrive Maura Chiulli, responsabile cultura di Arcigay in una nota che accompagna la lettera – è necessario ricominciare dalle parole. Arcigay ha più volte sottolineato la necessità di una formazione sulle tematiche lesbiche, gay, bisessuali e transessuali per chi fa informazione".

"Rivolgersi alle persone transessuali in modo corretto è un dovere che la stampa ha, in un Paese in cui non è riconosciuto loro alcun diritto – commenta la Chiulli riferendosi agli articoli e ai servizi a proposito della morte della trans milanese -. Al contrario, su tutta la stampa nazionale, con rare eccezioni, abbiamo letto un irrispettoso e violento raccontare la morte di una Patrizia inesistente, raccontata tutta al maschile".

Nella lettera, Arcigay cita dati precisi, ricordanco che l’Italia è il secondo paese d’Europa per le violenze ai danni delle persone transessuali sottolineando come, in uno scenario del genere, le parole siano importanti.

Ti suggeriamo anche  Utente di un gioco online vittima di omofobia: responsabili dell'attacco bannati a vita

A proposito dell’insulto di Apicella ai danni di Malgioglio, poi, il presidente Paolo Patané commenta: "Non è mai ammissibile che l’identità delle persone lesbiche, gay, bisessuali o transessuali sia utilizzata in funzione di oltraggio, scherno, disprezzo o discriminazione". Nella missiva inviata oggi si chiede "una maggiore qualità dei programmi che vedono coinvolti personaggi della comunità omosessuale e transessuale e la possibilità per gli esponenti autorevoli della stessa di non partecipare a programmi che siano costruiti con finalità rissose e ‘spettacolari’, utili solo ad una facile ma mortificante audience".

Infine, la maggiore associazione lgbt italiana auspica "un durissimo intervento di censura della Presidenza dell’Azienda e della Commissione di vigilanza nei confronti del sig. Apicella. Chiediamo poi che l’Azienda assuma una posizione chiara nel contrasto alle discriminazioni omofobiche e transfobiche e nella promozione di un servizio pubblico rispettoso di tutti, anche attraverso una narrazione finalmente reale della vita, degli affetti e dei progetti delle persone e delle coppie omosessuali".