Associazione genitori dei gay contro I Soliti Idioti

di

I genitori dell'Agedo e Arcigay chiedono al Festival di Sanremo di riparare allo scketch de I soliti Idioti, giudicato offensivo, trasmettendo il video pubblicato a San Valentino "Io...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
7075 0

Coro di critiche da parte di associazioni e singoli esponenti de mondo lgbt verso Fabio e Fabio, i due gay interpretati dal duo de I Soliti Idioti Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio. Le scenette dei due omosessuali sono apparse stonate messe in scene al Festival della canzone, un ambiente che poco si prestava ad un’esibizione che invece, nell’ambiente naturale di Mtv ha conquistato proseliti di fan.

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Fabio e Fabio hanno coinvolto Gianni Morandi in una gag in cui si lamentavano dell’assenza di canzoni dedicate agli omosessuali nella gara di quest’anno. Hanno poi chiesto a Morandi, che chiamavano Johnny Dorelli, di unirli in matrimonio. Morandi ha frettolosamente letto la formula di rito annunciando vi dichiaro marito e non lo so. Dopo un brano intitolato Omosessuale (pene-ano, ano-pene, recita allo sfinimento il ritornello) i due comici si sono scambiati un bacio prima di baciare un attonito Morandi che ha dichiarato "non ho niente contro gli omosessuali, ma preferivo Belen". Mancava solo un "non ho nulla contro i gay" e lo stereotipo sarebbe stato servito al completo.

La polemica è alimentata oggi da Agedo, associazione genitori di omosessuali, e Arcigay. "Perché al festival della canzone italiana, una delle trasmissioni più rappresentative della passione popolare, si è scelto di fare una cosa tanto brutta?", si chiedono i due soggetti. "Fa davvero ridere, offendere milioni di persone omosessuali con frasi gratuite e volgari? Siamo convinti del valore della satira e di quanto l’ironia possa aiutare ad avvicinare le idee, ma la satira si fa sulle opinioni o sui fatti non sulle condizioni innate o le identità delle persone. Chiediamo che cosa avreste pensato di tanta grevità offensiva ("gli omosessuali sono donne senza mestruazioni") se fosse stata declinata rispetto alle persone di colore, alle donne, agli ebrei, ai diversamente abili?".

E poi la proposta di riparare: "Visto che avete dato a milioni di italiani il volto più beceramente stereotipizzato dell’omosessualità, consegnategli quello vero e fate un’operazione di verità. Il video "Io ti sposerò" con la bella canzone di Jovanotti che Arcigay e AGEDO hanno diffuso per S.Valentino ha il vero volto, semplice e autentico, delle persone  omosessuali e dei loro sentimenti. Avete mostrato uno steretipo grottesco, avrete il coraggio di essere il Sanremo di tutti e di mostrare la vero volto delle  persone omosessuali mandandolo in onda?"

Sembrano lontani anni luce i tempi di un Benigni che recitava la lettera che Oscar Wilde inviò dal carcere al suo innamorato Alfred Douglas dallo stesso palco. E invece si tratta di appena tre anni fa.

Leggi   Tokyo, basta discriminazioni omofobe entro le Olimpiadi del 2020
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...