Barbara D’Urso sull’aggressione di Milano: “L’omofobia è un reato, serve una legge”

L’appello della conduttrice ieri pomeriggio in diretta.

GUARDA IL VIDEO >>>

 

Barbara D’Urso ieri 27 gennaio ha intervistato a Pomeriggio Cinque Michele, uno dei due ragazzi aggrediti la scorsa settimana a Milano all’uscita dalla discoteca Borgo.

La conduttrice poi ha voluto esprimere con forza il suo sdegno verso gli omofobi etichettandoli come “frustrati” e ha chiesto che venga fatta presto una legge contro l’omofobia affinché fatti come quelli di Milano vengano pubblicamente riconosciuti per quello che sono: manifestazioni di una cultura di intolleranza e paura delle differenze.

GUARDA IL VIDEO >>>

Ti suggeriamo anche  Uganda, trucidato l'attivista gay John Wasswa

2 commenti su “Barbara D’Urso sull’aggressione di Milano: “L’omofobia è un reato, serve una legge”

  1. Finalmente una che dice le cose come stanno.. Mi è piaciuta moltissimo la sua frase quando ha detto :”QUESTI SONO I MASCHI ITALIANI, che per sentirsi maschi picchiano le donne, o gli omosessuali, o i cagnolini. ” Poi casomai uno di questi sta sulla chat gay a cercare cazzo.. Come il killer della strage di Orlando..

Lascia un commento

+ Segui questo argomento

Ricevi gratis gli aggiornamenti.

Musica

Michele Bravi, “mi ha salvato un ragazzo, ero innamorato ma ora se n’è andato e non tornerà più”

Dalle pagine di Vanity Fair, Michele Bravi ha confessato quanto sia stato importante per lui un ragazzo, nell'ultimo anno e mezzo, di cui si era innamorato.

di Federico Boni