CINEMA GAY PER “MARKY MARK”

di

L'ex-rapper, ex-testimonial di Calvin Klein, ex-cattivo ragazzo Mark Wahlberg è ora lanciatissimo sul grande schermo. Ma quasi solo con registi gay. Come mai? Rispondono le sue foto. Che...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1476 0

Clicca qui per la galleria di foto di Mark Wahlberg

Lo splendido Mark Wahlberg, noto, prima del successso ottenuto sul grande schermo, per le foto in mutande realizzate per la campagna pubblicitaria di Calvin Klein alcuni anni fa, torna al cinema nel film “The Jacket”, che sarà realizzato da John Maybury, regista britannico dichiaratamente gay, autore di “Love is the devil”.

Secondo l’Hollywood Reporter, il film sarà prodotto dalla Paramount Pictures, Mandalay Pictures e Section Eight, la casa di produzione di George Clooney e Steven Soderbergh che prodotto anche “Lontano dal Paradiso” o “Confessioni di una mente pericolosa” diretto dallo stesso Clooney.

Nel film, le cui riprese cominceranno in autunno, Wahlberg darà corpo (e che corpo!) a un reduce della guerra del Vietnam che si trova in carcere per l’omicidio di cui non è li responsabile, e che ha la premonizione del suo stesso assassinio.

Mark Wahllberg ha iniziato la sua carriera come rapper, con il nome d’arte di Marky Mark. Nato nel 1971 in una famiglia irlandese cattolica, ultimo di nove fratelli; ha lasciato la scuola a 14 anni e ha fatto la vita di strada. A 16 anni è stato arrestato per aver picchiato un vietnamita e ha scontato 45 giorni di galera.

Malgrado abbia smentito più volte che l’aggressione fosse a sfondo razziale, non sono in molti a credergli. Qualche tempo dopo, pesanti critiche gli sono state mosse per aver difeso le frasi sfacciatamente omofobiche dette durante un talk show britannico da un altro invitato, il cantante reggae Shabba Ranks.

Ciononostante, non è la prima volta che il bel Mark si trova ad aver a che fare con l’omosessualità nel suo lavoro. Nella sua interpretazione del pornodivo di “Boogie Nights”, fa anche il marchettaro alla fine della sua carriera, anche se in quel caso la cosa finisce male, e lui viene brutalmente pestato.

Inoltre, nonostante sugli schermi italiani il suo corpo palestrato non sia presente da un paio d’anni, quando ha interpretato Leo Davidson nel “Pianeta delle Scimmie” di Tim Burton, Mark ha continuato a lavorare, girando anche con Jonathan Demme, il regista di “Philadelphia“, il film “The truth about Charlie”.

Clicca qui per la galleria di foto di Mark Wahlberg

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...