“Che schifo”, “malati”, “gente aberrante”: la scelta di Claudio Sona al Trono Gay presa di mira dagli omofobi

di

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
34506 8

Ieri venerdì 16 dicembre è andata in onda la puntata finale del Trono Gay di Uomini e Donne: Claudio Sona ha scelto Mario Serpa, la commozione in studio e a casa è stata tantissima e anche i social hanno espresso questa grande ondata emotiva di celebrazione dell’amore LGBT.

Ahimè, com’era prevedibile, in mezzo a tantissimi messaggi gioiosi di soddisfazione, apprezzamento e stima, sono stati tanti anche i messaggi degli omofobi pieni di ignoranza, volgarità e intolleranza.

C’è chi ha sfoderato il solito “ma non pensate ai bambini?”, chi ha bellamente dato degli “schifosi” e “aberranti” ai due ragazzi, chi ha invocato il castigo divino e via di scorrendo.

Per non perdere troppo tempo su questo materiale a dir poco delirante, abbiamo raccolto giusto i primi esempi che ci sono capitati sotto mano, ma basta andare sulle pagine ufficiali di Uomini e donne su Facebook e Instagram per toccare con mano che il fronte degli omofobi è ancora decisamente ben nutrito.

 

Monica Cirinnà a Uomini e Donne: “Grazie Maria per il tuo coraggio, l’amore gay è uguale a quello etero”

Leggi   Claudio Sona e Paolo Stella, è nato un amore?
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...

Commenta l'articolo...

8 comments

  1. dan Rispondi

    1 Gay punto it con il suo nazismo vorrebbe obbligare la gente a farsi piacere gli omosessuali.
    Sbagliato. Imparate un minimo di rispetto per le scelte altrui.

    2 fate finta di credere che quello che avete visto nella trasmissione sia vero.
    Non lo è. E’ spettacolo promosso da sponsor. Unico scopo: soldi.

    3 frequentate profili di omofobi su facebook e istagram, che altro non sono che una massa di non pensanti addomesticati all’ignoranza. E vi lamentate.
    Vi sfugge che la gente su quei social è li apposta per insultare, sfogarsi, esaltarsi per le proprie opinioni e mantenere il proprio stato di ignoranza. Lamentarsi che insultano i gay sui social è come andare nel porcile e lamentarsi di essersi sporcati le suole: quanto di più ovvio.

    Cerchiamo di svegliarci.

    1. Marco De Filippis Rispondi

      Capisco perfettamente il tuo punto di vista ma proprio perché siamo addomesticati all’gnoranza, trovo sia giusto investire denaro per utilizzare il mezzo televisivo al fine di addomesticare (per utilizzare i tuoi termini) l’italiano medio, anche all’omosessualità. E la tv fa tanto..
      Per quanto riguarda il resto, l’ignoranza e l’omofobia non vanno compatite ma accusate, punite e discriminate con fermezza. Continuamente! Non avere l’arroganza di far svegliare chi è già sveglio ma ha semplicemente un punto di vista differente dal tuo, perchè ti omologhi alla mediocrità e alla banalità che citi nel tuo commento.

    2. emanuele Rispondi

      Quante cazzate….non è che se a me non piace una cosa allora devo insultarla, pergiunta “in casa sua”, con tutta la gente che vedo ogni giorno che non mi piace per un motivo o per un altro ci mancherebbe che la vado a insultare, passere metà delle mie giornate a insultare sconlsciuti e l’altra metà alle prese con denunce ler molestie/diffamazione ecc…

      In più il fatto è che anche se ti piace o no l’omosessualita sono fatti tuoi, mica puoi rimpere le balle alla vita degli altri, e poi può anche non piacere a tutto il mondo ma l’omosessualita non smetterà mai di esistere visto che non è una cosa creata dal uomo ma dalla natura e nessun uomo ne ha il controllo, quindi è stupido odiare una cosa del genere, è come odiare il celo, il mare, gli animali ecc..quindi fare tante rappresagle, gruppi omofobi, manifestazioni ecc che senso ha?? Vi rendete conto che lottate contro la natura? E anche se tutti fossero daccordo con voi che non ci devono essere omosessuali, l’omosessualita continuerà comunque ad esistere (negli uomini,negli animali e pure negli insetti)

      Poi le lotte si fanno per una causa e per ragiungere uno scopo, mica per molestare la gente sulla loro vita privata, e lo scopo quale sarebbe?apparte rompere le balle?! Di certo fermare la natura non si può….

      È vero che ognuno ha i propri gusti, ma se a me non piace una cosa che ha in casa sua uno che manco conosco o vedo uno con un magione che non mi piace mica lo insulto e gle lo strappo e gli impongo il mio disgusto come fanno gli omofobi…se non ti piace te lo tieni per te tanto nessuno ti ha chiesto il tuo parere è manco ci si conosce, e almassimo se sai che quel maglione non ti piace stai zitto e non te lo compri te, mica puoi imporre a tutti di non comprarlo e sopratutto di non farselo piacere…

      E comunque il fatto che i gay vogliono impore le loro cose non è vero, anzi è il contrario come ho detto su, i gay vogliono solo non essere molestati e che la gente si facesse gli affari propri, poi che ti piace o no non è un valido motivo per agredire, insultare o fare manifestazioni che a te non riguardano ma che ti servono solo per rompere le balle in casa altrui…

      Pultroppo sono cose che gli omofobi non possono capire, bisogna aspettare che si estinguano col tempo..

      1. emanuele Rispondi

        P.s. Scusate per gli eventuali errori ma sono le 5.30 del mattino e sono con un cel di merda ahaha

      2. dan Rispondi

        Mi sa che hai frainteso.
        Sono d’accordo con tutto quello che hai scritto.
        Io sono gay, e non sono contro di noi.

  2. Valium Rispondi

    “Che schifo” “malati” “gente aberrante” è chi guarda uomini e donne

    1. Francy Novelli Rispondi

      te li guardi sicuro…ma con il pisello in mano!! 😀

  3. Tina Cipollari celebra l'amore gay su Instagram: «L'omofobia è ignoranza e stupidità» | Gay.it Rispondi

    […] “Che schifo”, “malati”, “gente aberrante”: la scelta di Claudio … […]