Diego Passoni: «Che fatica essere gay in televisione!»

di

Il nuovo programma televisivo, l'essere sempre un compagno perfetto, la promiscuità ad una certa età e la sua passione per il Movimento 5 Stelle.

diego passoni
CONDIVIDI
754 Condivisioni Facebook 754 Twitter Google WhatsApp
38037 2

Partirà stasera alle 21.10 su Fox Life la prima di dodici puntate del nuovo talent show Dance Dance Dance.

Il format, che vedrà sei coppie di VIP sfidarsi a colpi di ballo davanti a tre giudici d’eccezione e su un palco di seicento metri quadrati con più di settanta scenografie, tra le quali spunta anche una piscina da duecento litri d’acqua, sarà condotto dall’irriverente Diego Passoni e da Andrea Delogu. Con la voce (oramai) storica di Radio Deejay abbiamo parlato del programma, dei suoi concorrenti, della sua collega, di Pechino Express, del suo essere un compagno perfetto, ma anche di meritocrazia, di promiscuità e del perché di tutto questo suo amore nei confronti del Movimento 5 Stelle.

Finalmente un programma tutto tuo ed in prima serata su Fox Life

Ebbene sì, a 40 anni suonati sono pronto per condurre in prime time!

Cosa avrà Dance Dance Dance rispetto a tutti i programmi di ballo in circolazione?

Questo talent fa rivivere le coreografie più iconiche di video, concerti e film, per cui è impossibile non sentire un fremito appena parte l’intro di Dirty Dancing o ancor più quello di Vogue. Se lo guardassi da casa, sarei sempre in piedi a rifare i passi anche io. Lo studio beneficia di una tecnologia nuova, con una cosa che si chiama realtà aumentata, e di un corpo di ballo pazzesco. La grossa differenza rispetto ad altri talent, comunque, è che in questo non ci sono conduttrici bionde. Il resto, invece giudicatelo voi guardandolo.

Conoscevi già la tua compagna d’avventura, Andrea Delogu?

Andrea l’ho intervistata a Dimmi Quando, il programma pazzesco che conducevo per DeejayTv, in occasione dell’uscita suo libro “La Collina”, ma al di là di un’impressione iniziale non sapevo che persona fosse.

Si dice che quando si è in due a dividere lo stesso palco, ci sia sempre un’accesa rivalità. In questo caso?

Vuoi chiedermi chi di noi è la Cuccarini e chi la Martinez?

Non essere diplomatico, te ne prego..

Infatti ci odiamo, fuori dal palco nemmeno ci salutiamo, e cerco sempre di farla cadere dalle scale! La vera verità è che siamo entusiasti di questo progetto, e da parte mia posso dirti che ho trovato una ragazza precisa, collaborativa e capace. Sono felice di lavorare con lei, ci stiamo trovando benissimo.

Tra le coppie dello show c’è qualcuno davvero portato per il ballo? 

Qualcuno era già avvantaggiato per i trascorsi, altri si stanno trasformando fisicamente, ma soprattutto interiormente. La danza è una musa, ti seduce, e passo dopo passo ti fa innamorare di lei.

E qualcuno assolutamente negato?

Sì, qualcuno è decisamente poco portato e sta lottando con i suoi limiti, con risultati alterni, come vedrete.

Che poi, se vogliamo, questo è un tuo ritorno nel mondo del ballo. O sbaglio?

Ma certo! Io nasco ballerino e tornare ai miei esordi in tv è il famoso cerchio che si chiude, non trovi?

La tua vita, per certi versi, è sempre un binomio perfetto. In primis con La Pina a Radio Deejay, poi con Cristina Bugatty a Pechino Express ed ora con Andrea su Fox Life. Ti senti davvero il compagno ideale?

Non sono un compagno facile. Cerco di ascoltare, di essere educato sempre, di rispettare i modi e gli spazi dell’altro, ma ho tanti difetti. Di solito li dichiaro sin da subito, e cerco di essere franco in quello che dico, senza ferire gratuitamente. Sono collerico, e mi indigno per questioni di principio. Ma credo nelle strade condivise, quindi in quelle percorse almeno in due.

A Pechino, piuttosto, la tua squadra ha conquistato il cuore di tutti, nonostante la vittoria sia andata altrove. Qual è stato il vostro ingrediente vincente?

Mi permetti di ringraziare tutti quelli che manifestano ancora affetto per noi Contribuenti? Credo che sia stato apprezzato il modo leggero con cui abbiamo affrontato la gara e l’attitudine all’ascolto verso chi abbiamo incontrato. E poi il nostro cercare di ridere, anche quando non ne avresti motivo, perché sei in un viaggio unico e straordinario, e comunque sei sempre dalla parte di quelli fortunati.

Pechino era partito col botto, per poi perdersi per strada. Non pensi che la scelta di metterlo contro il Grande Fratello Vip sia stata un tantinello controproducente?

Eh, la lotta degli ascolti è stata impari, ma credo che molto abbia fatto anche la programmazione di Rai 3, per esempio, che contro Pechino ha messo Report. Chi ama l’informazione approfondita ama anche Pechino, che ritiene un programma di qualità, ma tra i due sceglie Milena Gabbanelli. Lo farei anche io.  Che poi Pechino lo replicavano su Rai 4, ma quegli ascolti non li calcolano! E comunque abbiamo fatto più cose a letto Lory Del Santo ed io in una notte, che la Marini e Bettarini in tutto il Gf Vip.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...