GF3, ULTIMO ATTO

di

Tra poche ore sarà incoronato il vincitore (o la vincitrice) dell'edizione 2003, e gli ultimi reclusi saranno rimessi in libertà. Chi vincerà? Queste sono le previsioni della redazione...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1258 0

Eccoci alla fine. Domani sarà finalmente decretato il vincitore della terza edizione del Grande Fratello, e gli ultimi quattro reclusi della casa potranno tuffarsi nel bagno di folla che li aspetta. Passeranno qualche settimana a far presenza nelle migliori discoteche della penisola, a mostrare la loro bella (?) faccia e le loro capacità artistiche (??) nei più ambiti salotti televisivi, e poi ricadranno nell’oblio generale, come è già successo praticamente a tutti i concorrenti che li hanno preceduti.

Certo, continueranno a godere dei vantaggi di essere stati visibili dai telespettatori per più di tre mesi, ma sicuramente i loro nomi scompariranno dalle pagine dei giornali. Se ne seguirà le vicende a livello locale: il Messaggero dedicherà qualche pagina a Floriana, la Nazione seguirà per un po’ le vicende di Franco e così via. Poi, il silenzio.

Ma prima di arrivare a quel silenzio (fittizio come il caos che regno ora, se si pensa che in breve tempo partirà anche l’edizione n° 4 del reality show) dovremo passare attraverso la bagarre della serata finale. Già, ma chi sarà il vincitore?

Noi vorremmo che vincesse l’irruente suscettibilità di Floriana, capace di reagire agli eventi con emozionalità animalesca, apparentemente lontana da qualsiasi forma di razionalizzazione, di meditazione. Se potremmo per questo paragonarla a un essere non pensante, riconosciamo però anche che è questo il suo pregio: istinto, allo stato più e meno puro. A chi piace…

Ma vorremo anche che vincesse il fascino sornione di Luca. No, non vogliamo dire che il torinese ci affascina, ma è impossibile non riconoscere che è proprio questo il suo lato forte, con cui conquista chi gli sta intorno. Un alone di mistero, che forse nasconde solo vuotezza, ma – tant’è – dal teleschermo possiamo immaginarci quello che ci pare…

Meriterebbe di vincere anche la solarità di Victoria, sempre più assimilata dall’immaginario del telespettatore a una sorta di giocattolone nelle mani di quel bionico di Pasquale. Per questo, tutti sono portati a credere che lontana da lui, l’americana potrebbe svelare altre qualità, ancora più affascinanti. Ma anche in questo caso, sarebbe facile rimanere delusi.

E dovremmo forse condannare Franco? Sì, potremmo farlo, ma perché condannarre lui e salvare gli altri? In fin dei conti, è difficile trovare un particolare difetto nel fiorentino che ci faccia preferire i tre inquilini più “anziani” della casa, così come sarebbe impossibile trovargli un pregio che ce lo faccia preferire. E’ più corretto, forse, lasciarci con questo salomonico pari-merito tra tutti e quattro, e affidare il verdetto a chi avrà voglia di spendere un euro per il televoto finale, che decreterà il reuccio (o la reginetta) di questo dimenticabilissimo Grande Fratello 3.

di Alessandro Federici

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...