Giancarlo Magalli: “Non sono omofobo, ma..”

di

"Le icone gay vivono una sorta di ‘wannabe’ da parte della comunità lgbt e nessun gay, dotato di buon senso, vorrebbe essere Giancarlo Magalli."

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
29541 0

PAGINA

Nonostante due mogli e due figlie, in più interviste, ha ribadito che lei è rimasto ‘senza famiglia’. Sono così indiscreto se le chiedessi cosa è successo?

Non è successo nulla. Le figlie sono cresciute e, com’è giusto che sia, non hanno più bisogno della figura paterna sempre intorno. Mentre le mogli hanno preso altre vie.

Tornasse indietro, quei ‘no’ a favore della sua famiglia, li direbbe ancora?

Vede: se avessi accettato Don Matteo sarei dovuto andare a vivere otto mesi l’anno a Gubbio, con un solo giorno libero a settimana, perdendomi gli anni migliori di mia figlia. Probabilmente dal punto di vista lavorativo ho fatto una scelta sbagliata, ma alla fine sono contento così. E poi ho fatto una buona azione nei confronti di Terence Hill, non trova?

Andiamo sul pop. Lei piace a tutti: dalle nonne, ai nipoti.

Ho la fortuna di avere un carattere che si sposa bene con tutte le generazioni. So essere bravo, serio e professionale, ma anche sarcastico come pochi. Le nonne mi guardano per un motivo, le figlie per un altro e i nipoti per un altro ancora. 

E, per non farsi mancare nulla, piace molto anche al mondo gay. Si è mai chiesto il perché?

Non sono un omofobo, ma neanche un’icona! Le icone gay vivono una sorta di ‘wannabe’ da parte della comunità lgbt e nessun gay, dotato di buon senso e buon gusto, vorrebbe essere Giancarlo Magalli. Sembreranno cliché, lo so, ma è innegabile che i gay abbiano una genialità fuori dal comune. 

E io che pensavo mi rispondesse canticchiando ‘Fatalità’..

(ride, ndr) Troppe ne ho scritte per Raffaella. Anche ‘Rosso’, ricantata anche da Mina.

Come ogni personaggio che si rispetti, anche lei sarà pieno di leggende sul suo conto. Ne conosce qualcuna che avrebbe voglia di smentire?

Dicevano fossi il figlio Renato Rascel. Una volta raccontai ad un giornalista che quando ero piccolo tutti notavano questa forte somiglianza e sa cosa scrisse? “Giancarlo Magalli il figlio segreto di Rascel!” Roba da pazzi. 

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...