GLAAD award, il più friendly è Glee

Glee vince il GLAAD award per aver appoggiato la causa gay contribuendo ad abbassare i livelli di omofobia nel mondo. Presenti anche Tom Ford e la ragazza lesbica rifiutata al ballo scolastico.

Giunti alla loro 21 esima edizione i GLAAD awards sono i premi conferiti dall’associazione Gay and Lesbian Alliance Against Defamation ai personaggi che con il loro lavoro hanno contribuito a diffondere gli ideali degli omosessuali e ad abbassare i livelli di omofobia nel mondo. La manifestazione si è tenuta a New York ed ha visto la partecipazione di numerose star del mondo dello spettacolo. Hanno ritirato il premio Drew Barrymore, Tom Ford, l’esilarante Wanda Sykes e il creatore della serie tv Glee Ryan Murphy.

Murphy ha accettato volentieri il riconoscimento spendendo alcune parole di ringraziamento per tutto il cast, ma in particolare per Jane Lynch e Chris Colfer i due attori di Glee dichiaratamente omosessuali. Ha ringraziato Jane, interprete della perfida allenatrice Sue Sylvester, per aver reso partecipe la troupe del suo fidanzamento con la compagna Lara Embry, mentre di Colfer, che interpreta Kurt, uno studente gay, ha elogiato il coraggio: «Proviamo tanto affetto per il nostro Chris Colfer, che all’età di 19 anni ha annunciato la sua omosessualità, invece di aspettare i quaranta anni, quando non importa più a nessuno. Questo show è incentrato sull’educazione e l’inclusione e noi usiamo lo spettacolo in questa direzione».

Il produttore ha rivelato che nelle prossime stagioni Kurt avrà un fidanzato e che, comunque, il suo personaggio non sarà mai una vittima. Applausi anche per Tom Ford, premiato per il suo film A Single Man e per Constance McMillen, la ragazza lesbica fatta partecipare ad un falso ballo scolastico per non permetterle di presentarsi insieme alla fidanzata. Constance ha premiato Wanda Sykes che ha detto alla teen-ager: «Constance tu stai creando un mondo migliore».

Ti suggeriamo anche  Tadd Fujikawa primo golfista professionista a fare coming out: 'sono gay'