Mariti che si dichiarano gay a 70 anni e mogli che diventano amiche

La serie tv Grace e Frankie, con una Jane Fonda da urlo: dalle artriti da utilizzo del vibratore ai vecchi amori da recuperare

Non fatevi ingannare. Grace and Frankie non è una commedia leggera per giovani, né una storia rivolta al pubblico di terza età odierno. Sono troppe le differenze culturali, per non dire antropologiche, degli anziani del 2016 per cercare loro come pubblico di riferimento.

È una serie che parla a noi per come saremo a 70 anni. In fin dei conti ad oggi è ancora una ipotesi improbabile avere un marito che a 70 anni suonati ti dice di essere gay e di volersi sposare col tuo miglior amico. Certo, in Italia da almeno dieci anni siamo abituati a tutto con la saga Lario-Berlusconi, ma qui andiamo ben oltre. Abbiamo tre mostri sacri: Grace-Jane Fonda (splendida), Frankie-Lily Tomlin (che è pure lesbica dichiarata) e Martin Sheen, che narrano la storia di due famiglie che devono far fronte al matrimonio gay dei due amici di una vita. Ma soprattutto devono far fronte alle reazioni di due donne che all’alba dei 70 anni si ritrovano a convivere forzatamente in una casa al mare con tutte le loro abitudini e differenze. Grace, donna manager di successo emotivamente glaciale, che trova sostegno solo nell’alcol visto la famiglia anaffettiva che si ritrova. Frankie alternativa, ecologista, figlia dell’età dell’acquario e di tutti i suoi fallimenti. E i due mariti (Sol e Robert) che alla tenera età di 70 anni si ritrovano a cambiare modo di vivere, a uscire dalla repressione e a dichiarare al mondo che sono una coppia gay.

Chiariamoci. Si ride nella serie, visto che uno dei produttori esecutivi è stato produttore di Friends. Si ride per una miriade di verità: dall’utilizzo dagli smartphone nella terza età (nessun tasto sembra essere abbastanza grande e nessuna funzione abbastanza semplice) alle artriti da utilizzo del vibratore. Ma sono le situazioni ad essere maledettamente vere. O forse è solo la bravura dei personaggi a renderle tali. Dai litigi che sembrano veri litigi, con una rabbia che si vede solo nelle situazioni reali, ai rapporti coi figli trentenni e quarantenni che fanno del loro meglio per gestire la nuova situazione. Ma soprattutto è il rapporto tra Frankie e Grace a coinvolgere lo spettatore. Il rapporto con le amicizie perdute a causa del divorzio, il rimettersi in gioco in cerca di vecchi amori a cui si era rinunciato per salvare il matrimonio, il problema di un’amica che vuole l’eutanasia per dire addio al mondo, la creazione di un gel per la lubrificazione vaginale delle donne in menopausa. Sono problemi di oggi, ma che vivremo tra qualche anno. E il pubblico sembra aver capito e gradito, se la serie è una delle poche ad avere già una seconda stagione disponibile su Netflix e una terza in lavorazione.

Storie

Picchiato a sangue: aggressione omofoba contro 29enne

Nel ragusano, sabato pomeriggio. Non è la prima volta che il ragazzo è il bersaglio di omofobi nella sua città.

di Redazione