Iva Zanicchi: “Prof porta libro gay al liceo? Le vomiterei in bocca”

Dichiarazioni choc per l’eurodeputata di Forza Italia a La Zanzara. Video.

Iva Zanicchi senza freni nel programma di Cruciani e Parenzo su Radio 24. Nella puntata del 1 maggio l’eurodeputata, ora ricandidata per le elezioni europee, è tornata sul caso del libro di Melania Mazzucco “Sei come sei: “Gli insegnanti che hanno introdotto il libro della Mazzucco al Giulio Cesare devono essere licenziati, devono fare la fame. Li prenderei a calci nel culo per tutta la piazza del Vaticano.” E ancora: “Vergognati, schifosa – così la Zanicchi si è rivolta a una prof di quel liceo – far leggere a ragazzi di 13-14 anni certe cose. Per fortuna che non c’era mia nipote, sennò quella lì la sistemavo io. La testa gliela mettevo… So io dove. Avete presente i tori? Così le passava la voglia di parlare di sesso ai ragazzini”

Il testo, la storia di una ragazza, figlia di una coppia gay, vittima di bullismo, è stato aspramente criticato da gruppi di estrema destra definendolo addirittura “materiale pornografico”.

Accuse rigettate dalla preside del liceo che ha così commentato: “La lettura integrale del libro in due quinte ginnasio rientrava in un percorso più ampio di sostegno alla lettura su temi di attualità. La storia narrata dalla Mazzucco è molto delicata, anche nella scrittura e nel linguaggio, non sono certo quelle due frasi sotto accusa a poter riportare il senso di un romanzo che io credo sia adatto all’età degli alunni visto che la protagonista ha appena 11 anni”.

Ti suggeriamo anche  Bacio gay nella serie "L'Esorcista", il produttore: "Si fottano gli omofobi"

Evidentemente Iva Zanicchi non è d’accordo e, riferendosi alle frasi incriminate, ha così concluso: “Quella cosa dolciastra gliela vomiterei in bocca. E poi gliela farei ingoiare. Insieme al mio vomito”.