La serie tv “incita all’omosessualità”. La Rai la interrompa

di

Un'associazione cattolica chiede che Rai4 interrompa le trasmissioni di "Fisica o chimica", la serie che parla senza problemi di temi scottanti fra cui l'omosessualità. Stupito il direttore Freccero.

CONDIVIDI
2 Condivisioni Facebook 2 Twitter Google WhatsApp
8180 0

Rai4 interrompa la programmazione di "Fisica o chimica". E’ questa l’insolita richiesta avanzata dall’Associazione cattolica Aiart. La serie televisiva spagnola ambientata nell’immaginario liceo Zurbaràn di Madrid ha conquistato il pubblico europeo e il canale Rai diretto da Carlo freccero aveva iniziato a darne le repliche da pochi giorni. All’associazione non sono piaciute le storie degli studenti dello Zurbaràn

A spiegare il successo europeo della serie c’è il modo diretto nell’affrontare in maniera diretta temi spesso edulcorati dalla produzione televisiva mainstream, come alcool, droga, sesso, omosessualità e razzismo. «Chiediamo la sospensione degli episodi di "Fisca e chimica" trasmessi su Rai4 alle 13:40 – si legge nel comunicato dell’Aiart -. Le vite dei personaggi del telefilm, alunni ed insegnanti, si intrecciano in vicende ambigue a base di sesso,droga e trasgressione. La serie propone scene dirette che inducono i giovani al sesso spinto, all’omosessualità».

Da parte sua il direttore di Rai4 Carlo Freccero si dice stupito a al sito TvBlog ha dichiarato: «Trovo tutto ciò scandaloso, perché la serie in questione la ritengo assolutamente pedagogica, tratta i temi del razzismo, dell’omosessualità fra i giovani, certo questi argomenti nella serie TV sono affrontati con realismo, ma sempre in chiave didattica. La sto riproponendo ora, visto che ho avuto tantissime richieste dai telespettatori che hanno scritto al nostro sito di Rai4 ed ho già comprato le nuove serie. Io mi chiedo come in un paese europeo, laico come è l’Italia, si possa chiedere in modo così perentorio ed integralista la sospensione di questa serie. Lo ripeto, sono profondamente scandalizzato e allibito.»

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...