Minzolini censura nozze gay. Interrogazione alla Camera

di

Il direttore del Tg1 censura alcune frasi in un servizio sulle nozze gay nella chiesa valdese. Scompare il riferimento all'assenza dei diritti gay nel paese e al registro...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1616 0

Il caso della censura al servizio sui matrimoni valdesi da parte di Minzolini approda alla Camera. I commissari del Pd in commissione Vigilanza dei servizi radiotelevisivi Luigi Vimercati, Vinicio Peluffo e Vincenzo Vita hanno infatti presentato un’interrogazione parlamentare sull’esposto che il comitato di redazione del TgR Lombardia ha inviato all’ordine dei giornalisti del Lazio chiedendo l’apertura di un procedimento nei confronti del direttore del tg della prima rete.

La vicenda risale alla fine di settembre, quando i giornalisti del Tg1 denunciarono come Augusto Minzolini avesse "apportato tagli di natura censoria a un servizio realizzato da una collega della sede Rai di Milano e trasmesso nel telegiornale nazionale. I tagli che hanno modificato nel senso e nella struttura il servizio, che aveva come oggetto ‘I matrimoni gay nella chiesa valdese’, ‘non sono stati ne’ concordati ne’ tantomeno comunicati all’autrice che, in base al contratto giornalistico, avrebbe potuto chiedere il ritiro della firma dal servizio’".

Ecco di seguito il testo del servizio con la parte censurata in neretto:

Scambio promesse d’amore (da audio ambiente)

– Con te affronterò con coraggio ogni passo. Andrò con te là dove dio ci chiamerà. Questa è la mia promessa solenne.

Ciro, mi dono a te, ti amo. Confido in te e in te mi rallegro.

Una promessa d’amore, scambiata davanti a Dio e davanti ai fedeli della loro comunità.

Quella tra Ciro e Guido è la prima unione omosessuale celebrata dalla chiesa valdese. Non un matrimonio – per i valdesi non esiste come sacramento – ma una benedizione.

Anne Zell, pastora valdese (da audio ambiente): Dio è amore, Dio sostenga il vostro amore.

L’amore tra Ciro e Guido, entrambi protestanti, nasce sette anni fa. Con una lettera, chiedono una benedizione pubblica che riconosca la loro unione. Il Sinodo delle chiese valdesi e metodiste approva. Giuseppe Platone, pastore comunità valdese milano (da audio ambiente): "Noi non celebriamo questa mattina un matrimonio gay. Quello che faremo non ha nessun valore giuridico perché siamo in un paese che su questo punto è completamente assente".

A festeggiare Ciro e Guido ci sono gli amici e le famiglie. ieri, l’annuncio che il Comune di Milano istituirà il registro delle unioni di fatto.

Guido Lanza: il momento è stato magico, anche ieri, e adesso per esempio la liberazione delle coppie negli Stati Uniti… tutta una cosa a cascata. Siamo stati molto fortunati per questo

L’autrice del servizio, inoltre è una precaria e in quanto tale ha ben poche tutele dal punto di vista del contratto, motivo in più per accettare le modifiche senza alzare troppo la voce. Secondo i tre esponenti del Pd, Minzolini ha "umiliato la redazione di Milano"

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...