Miriana Trevisan: “Dopo l’Isola voglio Zelig”

di

Dopo l'ultima esperienza, dalla quale si dice sia tornata con una relazione con Canonico, Miriana pensa già al futuro e confessa: "Malgioglio? Un mito, artista geniale che rappresenta...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
9735 0

La sua presenza è stata definita ambigua. Ma c’è chi l’ha definita dolce. In questa intervista di ambiguità la Trevisan ne ha usata ben poca. Diretta e schietta ha risposto senza esitazione ad ogni nostra domanda, dicendo la sua sulla presunta storia con Canonico, sui fan di ‘Non è la Rai’, su Malgioglio e Cecchi Paone.

Qual è il ricordo più bello della sua partecipazione all’Isola dei famosi?

I tramonti, i vari colori del cielo, la tromba d’aria, la pioggia che scendeva come una fontana, sono cose che non ho mai visto e che non potrò mai dimenticare per tutta la vita. Pensa che la luna sembrava una lampadina accesa, così luminosa da sembrare un sole.

E la fame riuscirà a dimenticarla?

La fatica più grossa che facevo era quella di addormentarmi,

perché per la fame mi venivano in mente i piatti più succulenti.

Qual è la prima cosa che ha mangiato appena è rientrata in Italia?Il pane era la cosa di cui avevo proprio un gran desiderio. Ho mangiato anche molta cioccolata, che in realtà io non la amo proprio moltissimo. Devo dire che questa voglia di dolce mi ha meravigliato non poco.

Un’altra ‘prova’ importante per le donne è quella del trucco. Mi pare che lei l’abbia superata abbastanza bene…

Qualsiasi donna messa a nudo si sente un po’ a disagio, ma devo dire che la mancanza di trucco non l’ho vissuta come un problema. L’abbronzatura e i bei lineamenti che mi ha dato la mia mamma mi hanno aiutato a non crearmi problemi.

Con chi, tra i suoi ex colleghi naufraghi, sceglierebbe di ripetere questa esperienza sull’Isola?

Con Claudio, Nicola Canonico e Paul Belmondo, che sono i miei amici più cari.

Con Nicola si è ipotizzato un flirt. Conferma?Ce lo chiedono tutti. Sono situazioni che potrebbero anche nascere, ma al momento

siamo entrambi così tanto presi dal rientro e dai tanti impegni che non ci sarebbe proprio il tempo. E poi lui sta a Roma ed io sto a Milano. Al momento siamo amici, poi chissà!

Le due settimane del dopo Isola, le permettono di fare un bilancio su quanto questa esperienza sull’Isola le è servita a livello lavorativo? Le sono già arrivate proposte lavorative?Si muovono le acque, ho avuto delle proposte, ma considero già l’Isola come un lavoro importante. Può succedere tutto o niente, per me l’importante è aver scommesso ed essermi messa in gioco.

Lei andò in nomination con Malgioglio vincendola. Seppur Cristiano fosse molto amato dal pubblico, pare che i fan di ‘Non è la Rai’ abbiano votato massicciamente a suo favore. A così tanti anni di distanza la sorprende tutto questo affetto da parte dei fan di un programma ormai cult?

Assolutamente no. Sono orgogliosa e felice di avere dei fan tanto affezionati, e non rinnegherò mai quell’esperienza.

Sente ancora il suo ex-pigmalione Gianni Boncompagni?

Non sono ancora riuscita a sentire Gianni, da quando sono ritornata in Italia. Ma io e lui siamo rimasti molto amici, anzi lo siamo più ora di quanto non lo fossimo ai tempi della partecipazione a ‘Non è la rai’.

Se potesse scegliere un programma da condurre, quale

sceglierebbe?Mi piacciono moltissimo i programmi dove si autoironizza, come Zelig.

Leggi   Ciacci: "A me del mondo gay non me ne frega niente!"

Cosa ha significato per lei festeggiare il suo compleanno, il 7 novembre, sull’Isola?

E’ stato il chiaro segno che il pubblico mi aveva capita. All’inizio di questa esperienza mi ero detta che, se fossi arrivata fino al 7 Novembre, avrebbe significato che la gente a casa mi voleva ancora sull’Isola.

Molti l’hanno giudicata ‘dolce ed onesta’, altri ‘furba e manipolatrice’. Lei cosa ne pensa?Tutte le persone che mi hanno giudicato male sono poi quelle che si sono ritirate, e che hanno parlato male. Queste persone sono quelle che non possono credere che ci sia una ragazza come me che non si espone e che non prova cattiveria. A me, nonostante tutto, non piace parlare male di chi mi ha criticato. Mi reputo una ragazza seria.

Reputa giusta la vittoria di Manuela Villa?

Assolutamente. Manuela ha dato prova di grande forza fisica e di spirito.

Questa è stata considerata l’Isola dei gay. Cecchi Paone, Malgioglio, Ivan Cattaneo, tutti e tre profondamente diversi tra di loro, espressioni diverse del variegato modo omosessuale.

Malgioglio è un mito. Io identifico il mondo omosessuale con il suo modo di essere. E’ un artista, è un genio, è uno che un momento prima ti ama, quello subito dopo ti odia. Ma gli artisti sono così, vivono diverse e forti passioni. I gay sono creativi, geniali, e lui rappresenta a pieno il mondo omosessuale.

E Cecchi Paone?

Alessandro mi ha dato l’impressione di essere una persona profondamente incoerente, perché ha accettato di partecipare all’Isola, criticandone poi i meccanismi. Spero di vederlo presto per poter parlare direttamente con lui.

In che modo conosce il mondo gay?

Attraverso due dei miei più cari amici. Loro sanno tutto di me, ed io di loro. E’ un meraviglioso rapporto di confidenze ed attenzioni reciproche.

Cosa le suscita un sorriso?

Una cena con amici, oppure il sorriso di una persona a cui voglio bene.

di Michele Sabia

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...