NUDO VERSO IL SUCCESSO

Progetti e segreti di Salvatore Inguì, ex Mr. Gay, stripper e attore: farà un film al fianco di Eva Robin’s, ma intanto si spoglia col suo gruppo…

Guarda la galleria di foto.

BOLOGNA. Ho appuntamento con Salvatore Inguì alle 7,30 di sera, davanti la Feltrinelli di Bologna. Arriva direttamente da un provino per un film che sta facendo, il suo primo film. "Finalmente si realizza il mio più grande sogno, lavorare per il cinema". Gli chiedo subito maggiori dettagli: di cosa si tratta, chi è il regista, che personaggio fai… ma mi blocca subito anche se la soddisfazione che gli si legge in volto è grande. "Non posso dire molto – si scusa – eccetto che le riprese le facciamo tra Bologna e l’Umbria e che sarò co-protagonista assieme ad Eva Robin’s e non sai la felicità che provo a lavorare per il mio primo film con una persona meravigliosa come lei".

E non mi dici nulla sul tuo personaggio?, provo ad insistere. "Poco, solo che farò il ruolo di un eterosessuale…". Mi viene da pensare, allora, ad una sorta di legge del contrappasso con implicazioni curiose ed interessanti da scoprire: il primo Mr Gay d’Italia che fai il suo primo film interpretando un personaggio etero accanto a Eva Robin’s! Per saperne di più non ci resta che aspettare, impazienti, l’uscita del film prevista da qui a qualche mese.

Della sua carriere artistica, le sue ambizioni, i suoi progetti fatti e da fare, un po’ della sua vita personale Salvatore continua a parlarmene nella sua stanza tra un rimbrotto e l’altro al suo micione Dylan, "reduce" dall’avergli sconvolto la mobilia il giorno prima.

Chi è Salvatore Inguì molti già lo sanno: perlomeno si sa cosa è riuscito a "combinare" nel giugno 1997. Fu allora, infatti, che venne eletto in una, discoteca del nord, vincitore del primo Concorso in Italia di "Mr Gay". Lui, allora 31enne, fisico asciutto, in gara con molti altri pretendenti al titolo, anche molto più giovani e con maggiore "massa muscolare", stravince su tutti andando incontro a quello che nemmeno lui si aspettava che succedesse, lui che la sua omosessualità l’aveva rivelata giusto a sé stesso e a pochi altri.

"Io mi ero iscritto – mi racconta – perché me l’avevano suggerito dei miei amici ma solo per gioco, per il gusto di provare. Subito dopo l’elezione, sulla stampa locale era uscito qualcosina ma niente di particolare. Dopo qualche mese, invece, per via di un’intervista che mi ha fatto l’Ansa, sono finito su tutti i giornali nazionali e sono stato invitato a trasmissioni tv… figurati poi!".

Anche il sottoscritto si ricorda una puntata memorabile de "I fatti vostri" con Salvatore, siciliano di Palermo, messo a confronto via telefono con sua madre, incredula di scoprire così l’omosessualità del secondo dei suoi cinque figli maschi.

"Ammetto che forse non è stato il modo migliore per farlo sapere ai miei ma poi il tutto si è risolto per il meglio. Io e la mia famiglia siamo attaccatissimi e tali siamo rimasti, giusto qualche parente ha fatto delle storie ma sai i parenti…. Quello che mi ha fatto più piacere – continua Salvatore – sono state le telefonate, tantissime, che ho ricevuto dopo le apparizioni in tv e tutti a dirmi bravo, oppure a chiedermi consigli, soprattutto i giovani, su come dirlo ai genitori. Certo, io non ho soluzioni da proporre ma penso che l’essermi esposto in questo modo sia venuta fuori un’immagine dell’omosessualità positiva, fuori da ogni cliché e mi piace pensare che questo possa essere d’aiuto per tanti altri".

Un’immagine così positiva che lo ha portato a diventare il beniamino dei suoi colleghi operai me-tal-mec-ca-ni-ci! Eh si, perché Salvatore attualmente fa l’operaio, otto ore al giorno, dal lunedì al venerdì, presso una grossa fabbrica che produce scooter. "Naturalmente anche lì non sapevano nulla e, dopo, quando hanno saputo l’hanno presa talmente bene che mi hanno pure eletto loro rappresentante sindacale. Ma ora però ho smollato questo incarico, non ho più tempo per portarlo avanti".

Già, il tempo. Salvatore ha un’agenda fittissima di impegni, il 99% dei quali finalizzati alla sua massima aspirazione: lavorare nello spettacolo. Ma è un’aspirazione che ti è saltata in testa dopo il Mr Gay?, gli chiedo.

"No, la coltivo da tantissimi anni, già da quando ero a Palermo dove ho vissuto fino a 24 anni. Lì ho fatto un po’ il modello, fino a che mi sono deciso di andarmene a Milano dove ho continuato a lavorare nello stesso campo. Ci sono rimasto per nove mesi finché non mi è esploso dentro l’amore per Bologna, complice un fine settimana che ci avevo trascorso. Deciso che Bologna era la mia città, mi sono adattato a fare ogni genere di lavoro: facchino, cameriere e ora operaio. La mia ambizione è ben altra, ma finché non vengono fuori altre certezze, mi tengo quella che ho".

Leggi   Sanremo: le esibizioni cult degli ospiti che hanno segnato la storia del Festival

E Salvatore non si sta certo risparmiando per farle venir fuori queste certezze, a cominciare dal rito della palestra. Dall’elezione di Mr Gay ad oggi, infatti, ne sono passate di ore sotto la legge ferrea degli attrezzi e il risultato si vede, eccome. "Ci tengo a manternermi in forma, soprattutto con gli anni che passano – dice sorridendo – non voglio ritrovarmi con la pancetta o mostruosità simili. Facendo serate nelle discoteche come stipper o cubista, a maggior ragione l’occhio vuole la sua parte. Oddio, non passo le ore davanti lo specchio a dirmi quanto so’ bono, però posso ritenermi soddisfatto". Come dargli torto?

Giustappunto la tua attività di stripper: hai addirittura creato un gruppo, me ne vuoi parlare?

"L’idea mi è venuta dopo un po’ che giravo per le disco facendo il cubista e vedevo altri ragazzi come me. A quattro di loro (Dario, Max, Alex e Mirco) ho proposto di creare un gruppo, l’idea è piaciuta e così sono nati gli "Honey Forever" in cui due sono gay e tre no. Il nostro debutto è stato nella serata del Mr Gay 2000, nel giugno scorso. Pur essendo ognuno di città diversi, ci siamo dati come impegno di vederci almeno un paio di volte al mese per le prove. Escluso febbraio che me lo sono lasciato libero per via del film, abbiamo parecchie serate prenotate per marzo, in discoteche gay ma anche etero".

Ma cosa fate durante lo spettacolo?

"Balliamo su una coreografia nostra, cantiamo su basi musicali da noi arrangiate che stiamo ora raccogliendo ed incidendo sul nostro primo cd e, naturalmente, ci spogliamo".

Fin dove vi spingete?

"Servizio completo, alla "full monty"… nudo integrale anche se di pochi secondi. Ma seguiamo le indicazioni dei gestori delle disco e qualcuno ci ha chiesto di non arrivare al nudo integrale".

Salvatore, oltre che ottimo rappresentate del corpo del gruppo, ne è soprattutto l’anima. "Curo io infatti le date delle serate, informo i giornali, organizzo le sedi per gli allenamenti. E andrò avanti a farlo, anche in questo caso, fino al giorno che…" e qui si riaccende il sorriso speranzoso per un pieno futuro cinematografico. Fino a quel "fatidico" momento, chi volesse contattare gli Honey Forever può chiamare allo 051.272811 oppure 0338.1290079 oppure scrivere a elion65@katamail.com

Ma non crediate che il "palmares" di Salvatore si limiti qui. C’è stato anche un inatteso "blitz" in campo letterario, nientemeno con un sua biografia romanzata scritta dal duo Riccardo Di Salvo e Maurizio Cusmano, data alle stampe con il titolo "Il respiro delle foglie".

"La cosa è nata dopo una serata al Pegasus di Catania: mi ero esibito con uno strip integrale davanti a oltre 1500 persone. Pensa mi hanno dato anche una targa come motivo di orgoglio gay siciliano. Gli autori mi hanno proposto, aiutato da loro, di mettere giù la mia vita dai 14 anni in su e così ho fatto. Alla fine, si sono vendute oltre 10mila copie del libro… bel risultato no?".

Un’esperienza bella ma che non deve aver distratto più di tanto Salvatore dalla sua mèta: fare l’attore.

Ma esserti dichiarato così apertamente gay, non ti crea problemi proprio nell’ ambiente dello spettacolo dove vale la regola "fai quel che vuoi, basta che non lo dici in giro"?

"In effetti, diverse agenzie di spettacolo mi hanno fatto questo tipo di obiezione. Secondo loro, non potendo mentire di non essere gay, avrei possibilità limitate per fare i ruoli giusti. Come dire: un attore etero può fare ruoli gay ma non viceversa! Ma io non demordo…. Mi hanno, nel frattempo, proposto anche film pornografici ma ho detto "no, grazie", non ho voglia di sputtanarmi in questo modo. Volevano anche che cambiassi nome…. Magari l’unico rimpianto che ho è di non aver colto certe occasioni che mi si sono presentate e in cui avrei dovuto, come dire, fare qualche concessione in più di quelle che ero disposto a fare. Santa ingenuità! Meno male che mi è arrivata questa occasione del film con Eva Robin’s: qui il regista stesso, tra l’altro, mi ha chiesto di usare il mio nome e cognome".

Operaio, stripper, ore e ore in palestra, libri, provini cinematografici ecc ecc.., ma Salvatore, l’amore?

"Non ho tempo! Certo, mi piacerebbe avere una storia ma solo se l’altra persona fosse disposta a capirmi e a non intromettersi tra me e l’obiettivo di fare l’attore". Più chiaro di così!

Guarda la galleria di foto.

di Ivano Barocci

LEGGI ANCHE

Televisione

“Grazie, Signor Jigglypuff!” ovvero il nostro primo amico gay sullo...

Dopo "Ne avete di finocchi in casa?" il giovane regista Andrea Meroni torna ad esplorare l'influenza di cinema e tv...

di Davide Bombini | 20 Dicembre 2017

Televisione

Bacio gay nella serie “L’Esorcista”, il produttore: “Si fottano gli...

Guarda la galleria di foto. BOLOGNA. Ho appuntamento con Salvatore Inguì alle 7,30 di sera, davanti la Feltrinelli di Bologna....

di Gianluca Pellizzoni | 6 Dicembre 2017

Televisione

Trono gay, minacce anonime a Maria De Filippi: “Ora tremo”

La rivelazione shock di nostra signora della tv sull'introduzione dei corteggiatori gay a Uomini e Donne.

di Gianluca Pellizzoni | 24 Novembre 2017