Simpson, l’episodio cult anti-omofobia: “John è finocchio… no, ambiguo”

Ode al cartone più LGBT-friendly di sempre.

Come superare l’omofobia? Tutti a lezione da Homer Simpson.

In uno storico episodio andato in onda su Fox (è del 1997!), i Simpson decidono di vendere un cimelio di famiglia per recuperare del denaro: al mercatino dell’usato conoscono così John, che diventa presto un caro amico di famiglia. Un’amicizia che si interrompe non appena Homer scopre che John è gay: il timore è che anche i figli Bart, Lisa e Maggie possano diventare omosessuali.

Barney consiglia a Homer di portare Bart a caccia e di fargli uccidere un cervo per testare le sue capacità di uomo. In assenza di cervi, Bart è chiamato – con un fucile tra le mani – a far fuori le renne, ma il piccolo non se la sente. Capito il pericolo, gli animali accerchiano il bambino e gli altri tre cacciatori: a salvarli da una morte annunciata, però, è proprio John con il suo Babbo Natale Robot.

Homer si rende conto di aver sbagliato: “Hey, noi gli siamo debitori e non voglio che lo chiamiate femminuccia. Quest’uomo è un… finocchio! No, aspetta, ambiguo, diversamente ambiguo”. In macchina, poi, si rivolge così al figlio: “Sai, Bart, forse è la mia commozione cerebrale che parla ma qualunque sia il modo in cui tu decida di vivere la tua vita per me va più che bene”.

Ti suggeriamo anche  Russia, riconosciuto un matrimonio gay: scioccati gli sposi

I produttori e autori dei Simpson hanno sempre manifestato pieno supporto alla comunità LGBT, a cominciare dal personaggio di Waylon Smithers (uno tra i primi gay di un cartone animato pop). Lo studioso tedesco Erwin, nel saggio Behind the Gay Jokes: Homosexuality in the Simpsons, ha scritto: “Trattano l’omosessualità come un fenomeno assolutamente normale all’interno di un media, la tv, che solitamente è assai ostile”. Oltre 70 personaggi e oltre 500 scene a tema LGBT nel corso degli anni: lo stesso Homer, poi, ha baciato 50 volte sulla bocca un altro uomo. Un intero episodio, infine, è dedicato al matrimonio egualitario (There’s something about marriage), legalizzato per incrementare il turismo: era il 2005.