Star Rose Academy: le Orsoline sfidano Maria De Filippi

di

Inizia il 14 gennaio prossimo il primo anno accademico della scuola per giovani talenti promossa dall'ordine di suore fondato da suor Rosa. Tra gli insegnanti, Claudia Koll e...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
6137 0

Se avete cominciato il 2008 guardando Piazza Grande condotta da Magalli su Rai2, avrete appreso la notizia già il primo gennaio. Ma per chi si fosse perso l’evento, eccoci a raccontarvelo.

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni alla ‘Star Rose Academy’ che inizierà le sue lezioni il 14 gennaio prossimo. Cos’è la Star Rose Academy? Semplice: una scuola per giovani talenti aperta e gestita niente meno che dalle suore Orsoline. Sì, avete letto bene. Lo stesso nome si ispira alla fondatrice delle Suore Orsoline della Sacra Famiglia, Suor Rosa appunto.

Il parallelo con la scuola più famosa d’Italia, ‘Amici di Maria de Filippi’ è scontato e inevitabile. E proprio come ad Amici, alla Star Rose si potranno seguire lezioni di recitazione, canto, danza classica, danza moderna, gestualità scenica, trucco televisivo e lingue straniere. E non è tutto. La scuola ha già alle spalle una casa di produzione, la Star Rose Production, che ha realizzato lo scorso

anno un film sulla vita di Suor Rosa, un’etichetta discografica dal nome Star Rose Records e l’agenzia Star Rose Agency. Non manca prporio nulla, neanche lo spazio televisivo. Pare, infatti, che da quando inizieranno le lezioni l’accademia trasmetterà parte della sua vita su Sky e la trasmissione si intitolerà ‘Star Rose Academy Live’. 

Non manca proprio niente perchè la concorrenza con la trasmissione delle De Filippi sia agguerrita, neanche gli insegnanti famosi. Del corpo docenti dell’accademia fanno parte infatti Claudia Koll (recitazione), Tiziana Rivale (canto), Mauro Mosconi (danza moderna) e Alexandre Stepkine (danza classica). Tutti, naturalmente, di provata fede cristiana.

E’ chiaro che ci saranno delle differenze palesi, data la natura della Star Rose. L’intento dichiarato è quello di "mettere direttamente in pratica il proprio talento artistico, ma senza false illusioni, un approccio professionale al tubo catodico ormai distorto dal

consumismo e dal voler apparire a tutti i costi, che spesso porta alla perdita della propria autenticità e della propria autostima. Il nostro progetto vuole essere un’esperienza comune per relazionarsi con se stessi ed il pubblico al fine di conoscere appieno le propie capacità e svilupparle in modo professionale e con molta umiltà".

E non dite che non siete curiosi di vedere la prima puntata…

Leggi   Dal Libro di Rut nella Bibbia ebraica, la storia lesbo delle Scritture
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...