Trono gay a Uomini e Donne ingrana: prime esterne, Maria balla con Claudio Sona e una corteggiatrice lo confonde col tronista etero

di

Le prime esterne, le prime gaffe, i primi balli per Claudio Sona: è l'ordinaria normalità di Uomini e Donne, che ora include anche i gay.

CONDIVIDI
225 Condivisioni Facebook 225 Twitter Google WhatsApp
17623 2

Quella di oggi è la prima puntata che conta davvero di questo trono gay a Uomini e Donne. Abbiamo visto le prime due esterne: Claudio Sona e Mario sono andati al Museo di arte moderna e hanno chiacchierato per molto tempo del loro passato e, tra le altre cose, del momento in cui si sono dichiarati a propri genitori. Mario ha trovato molte più difficoltà rispetto a Claudio e glielo confessa: “Non ho incontrato l’abbraccio dei miei, ma anzi un’opposizione“. QUI IL VIDEO DELL’ESTERNA > >

uomini_donne_trono_gay

In un contesto molto diverso, Claudio e Mattia hanno passato un pomeriggio divertente in cui il corteggiatore ha insegnato al tronista i rudimenti per diventare deejay. “Ti avevo visto per strada a Padova e non mi hai salutato anche se siamo amici su Facebook“, dichiara Mattia a Claudio. “Non ci vedo, scusa!”, risponde il tronista. QUI IL VIDEO DELL’ESTERNA > >

uomini_donne_trono_gay_2

Ma non è l’unico momento degno di nota dalla puntata di oggi: la corteggiatrice Annunziata aveva scambiato il tronista Claudio, quello etero, per Sona, ed era convinta che sarebbe uscita con quest’ultimo. Ecco il video:

E per chiudere in bellezza: Maria de Filippi che balla con Claudio Sona perché nessuno dei suoi corteggiatori si alza per accompagnarlo (VIDEO > >). Epico. O forse no: è solo l’ordinaria normalità a Uomini e Donne, che ora include anche noi gay.

tumblr_odt279yudg1s7ub96o1_500

 

Leggi   Uomini e Donne, non ci sarà il trono gay?
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...

Commenta l'articolo...

2 comments

  1. dan Rispondi

    Smettetela di promuovere questa demenza commerciale fasulla e trash!!!!

  2. Gnomo No Rispondi

    Caro dan, che sia trash, fasulla o quello che vuoi; questa “demenza commerciale”, come la chiami te, fa si che gran parte dei ragazzini che hanno paura del giudizio dei genitori e degli amici alla notizia che sono omosessuali possano sentire storie vere raccontate con naturalezza, oltre a far vedere al grande pubblico che anche i gay si frequentano, anche i gay hanno dei gusti e delle preferenze a differenza dell’ideale dell’ignorante medio che vuole nel gay un tappabuchi seriale, per la serie tutto buono purché respiri!