TUTTI PAZZI PER LA MUSICA GAY!

di

Due compilation propongono brani classici della cultura queer. In "Polvere di Stelle" si va da Mina ai Soft Cell. E "Will & Grace - Let the music out"...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1952 0

PISA – Ci ha provato Gay.tv all’inizio dell’anno con la speciale compilation lanciata in tutti i negozi di dischi. Ora escono due nuove raccolte che ammiccano più o meno direttamente al pubblico gay. E c’è da dire che sono davvero belle.

Quali brani dovrebbero entrare a far parte di una “Raccolta Universale” di musica? Domanda complessa. I curatori della compilation “Polvere di Stelle” pubblicata da Rai Trade in questi giorni, hanno risposto presentando sedici canzoni ricche di atmosfere ancestrali, suoni che possono ricordare quelli che sin dall’inizio l’umanità ha utilizzato per comunicare gioia, dolore, amore, speranza… Non pensate però a brani etno o ambient: qui si tratta di vera e propria musica pop. Anzi: la maggior parte delle tracce del CD sono veri cult della discografia gay. Ci sono nomi come i Soft Cell e i Tears for Fears, icone nostrane come Anna Oxa, Mina e le sorelle Loredana Bertè e Mia Martini, e persino brani gettonatissimi nelle discoteche gay di mezzo mondo come This is your life di Banderas.

Descritta così, questa compilation “Polvere di Stelle” potrebbe sembrare una raccolta di brani enormemente distanti l’uno dall’altro, anche temporalmente visto che si va da Respect della Aretha Franklin del 1967 a Canzoni delle Balentes del 2004. Tutto il contrario: il disco scorre perfettamente attraverso il filo conduttore dell’atmosfera, e di una magia fatta di un colore che non esiste, di una sensualità e sessualità pura e nuova.. Si scopre così l’attinenza che c’è tra Il mare d’inverno e Eyes without a face di Billy Idol, o tra Donna donna donna di Mina e Bang bang (My babe shot me down) cantata da Cher.

L’ascolto di tutta questa compilation è emozionante e avvolgente, cosa che raramente una raccolta riesce a restituire con continuità. E per completare l’opera, chiude il disco una lunga versione di Natural Thing degli Innocence che fuse nel 1991 un allora modernissimo brano downbeat con il classico Shine On You Crazy Diamond dei Pink Floyd del 1977 in un abbraccio da pelle d’oca.

La seconda compilation di cui parliamo è decisamente più scanzonata: si tratta di “Will & Grace – Let The Music Out” pubblicata dalla BMG. E il titolo dice già tutto. Non è la colonna sonora del telefilm che dopo aver spopolato in America ha conquistato anche il pubblico di casa nostra diventando un vero cult. Piuttosto sono una serie di brani che gli splendidi protagonisti hanno scelto per restituire lo spirito della sitcom.

Tra le “chicche” della compilation ci sono due inediti duetti che vendo come protagonisti uno la Karen del telefilm (Megan Mullally) che canta con Carly Simon The right thing to do, e l’altro Eric McCormack, l’affascinante Jack, che insieme con Barry Manilow si produce in Living with Grace. Ma tante sono anche le star che compaiono nella compilation (così come molte sono quelle che sono state ospitate nelle puntate della sit-com): c’è Elton John con la sua The bitch is back, Cher con Gypsies, tramps & thieves, Jennifer Lopez – che sarà ospite dell’ultimo episodio della sesta serie, in onda su Fox Life il martedì alle 21 – che canta Waiting for tonight. E poi Gloria Gaynor, Tom Jones, Britney Spears e persino i Queen. Una vera compilation gay, insomma. E non poteva essere diversamente, visto che si ispira alla prima vera sitcom gay della tv americana.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...