Un gay, una lesbica e un trans nel cast del Gran Hermano 11

di

Alla versione argentina del celebre reality, quasi del tutto rappresentata la comunità lgbt. Ilcoming out di Alejandro, nato donna, è stato accolto dal pubblico con molta solidarietà.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
3258 0

Un gay, una lesbica e un tran, oltre a tutti gli altri concorrenti etero, naturalmente. Ecco come si presenta il cast del Gran Hermano 2011, la versione argentina del Grande Fratello.

Il gay è Emiliano Boscatto, noto al pubblico lgbt argentino per avere vinto il premio Mr. Gay Cordoba 2008 e la ragazza è Luz Rios, presentata dalla produzione come una donna che " ha cambianto orientamento sessuale diventando lesbica". Ma la vera sorpresa, tenuta nascosta fino alla fine, è Alejandro Iglesias, entrato nella casa senza troppo clamore, seppure tutti sapessero  che tra i concorrenti se ne nascondeva uno misterioso.

E ad un certo punto Alejandro, ha fatto coming out raccontando di essere nato femmina, ma di essersi sempre sentito un maschio, fin da piccolo.

 

Sincero e limpido, Alejandro ha confessato di partecipare al reality per motivi economici: la protesi che gli sarà applicata nell’ambito delle operazioni per la riassegnazione di genere è troppo costosa per le sue possibilità. Non nasconde, però, che vuole cogliere l’occasione per parlare della disforia di genere e di essere disposto a rispondere a tutte le domande che i suoi coinquilini vorranno rivolgergli.

Il video del suo coming out è diventato il quarto più visto in Argentina nel giro di pochissimi giorni e la stragrande maggioranza dei commenti sono di sostegno al giovane. Anche il conduttore della trasmissione ha trattato la vicenda con molta delicatezza e tatto.

L’Argentina, lo ricordiamo, ha approvato lo scorso luglio la legalizzazione delle nozze gay diventando il primo paese dell’America Latina a riconoscere le unioni tra persone dello stesso sesso. La comunità lgbt spera che la presenza di Alejandro nel cast del Gran Hermano possa portare all’ordine del giorno la questione di una legge che affermi il diritto per le persone trans di cambiare nome sui documenti senza per doversi per forza sottoporre all’intervento per la riassegnazione.

Leggi   Sapienza, bocciato il libretto per gli studenti transgender
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...