La parte per il tutto: ecco perché il trono gay di Uomini e Donne non può (e non deve) rappresentare tutta la comunità LGBT

Forse le aspettative erano davvero troppo alte e troppo lontane da ciò che realmente può fare questo programma?

In queste ore stanno facendo discutere le affermazioni di Mirko Scorrano, ex corteggiatore di Claudio Sona a Uomini e Donne, che intervistato da BitchyF ha affermato di aver lasciato la trasmissione perché trovava il tronista gay “un ragazzo dai pochi argomenti e poco maschile”, oltre che “troppo tenero e troppo dolce”. Per poi chiosare: “Sono sincero: il mio ‘troppo dolce’ era palesemente un’affermazione edulcorata. Forse alludevo a qualcosa…ma non si dice in TV”.

Affermazioni non proprio leggerissime, soprattutto se pronunciate da un omosessuale coi riflettori puntati addosso nei confronti di un altro ragazzo. Come ha ribadito Dario Accolla di Gaypost, “ancora una volta la mancanza di mascolinità – o l’effeminatezza, tradotto in una parola soltanto – diventa un vulnus che rende una persona non adeguata, non degna di attenzione o di vivere una storia d’amore”. Ancora una volta lo stereotipo patriarcale del “poco maschile” viene perpetrato da un membro della comunità LGBT ai danni di un suo simile. Sono totalmente d’accordo con la giustissima condanna, precisa e puntuale, portata avanti nei confronti di Scorrano. Ma aggiungo: ci aspettavamo davvero di meglio?

Stiamo parlando di un programma, Uomini e Donne, che si nutre di stereotipi: di un format televisivo che dal 1996 inscena un teatrino psicodrammatico dove gli attanti sono la maggior parte delle volte bellocci palestrati e lampadati, insieme ad aspiranti veline, che lo utilizzano come trampolino di lancio per il mondo dello spettacolo. Non dimentichiamo che Tina Cipollari, ormai icona vamp incontrastata e popolare, nasce come corteggiatrice e tronista prima di trovare una poltrona fissa nel programma come opinionista e mattatrice.

Ti suggeriamo anche  Grande Fratello Vip 3, Claudio Sona scartato perché 'troppo poco gay'?

Stiamo parlando di uno show che è stato oggetto di feroci critiche nel corso dei decenni, ma che continua a funzionare. Di uno spettacolo che di certo non può e non ambisce a rappresentare nella sua composita varietà il mondo eterosessuale, figuriamoci quello omosessuale, da poco “incluso” nel circo. Il punto è un altro: Uomini e Donne è il tempio del trash televisivo, uno dei format meno edificanti del panorama dell’intrattenimento italiano, e si propone di alimentare quell’insaziabile desiderio di cicaleccio frivolo che accomuna una buona parte degli italiani: di certo non di “raccontare” certe categorie fino a demolirle.

Tante sono le critiche che mi capita di ascoltare: “È lo stereotipo del gay palestrato lanciato PR e inserito!”; “Secondo voi ci daranno mai le adozioni con questo scempio?”; “Sono un branco di cani tutti uguali che si rincorrono tra loro…”. Ma chi ha mai parlato di rappresentazione reale e omnicomprensiva della comunità? Chi ha mai ritenuto che Uomini e Donne potesse portare a termine quel processo di equiparazione che il movimento LGBT, che lotta con coraggio instancabile da 40 anni, non è ancora riuscito a concludere? Forse le aspettative erano davvero troppo alte e troppo lontane da ciò che realmente può fare questo programma: portare il corrispettivo omosessuale dello stereotipo ‘tronista’ in una fascia televisiva guardata quotidianamente dal 30% degli italiani, perlopiù facenti parte dello strato più impenetrabile alla cultura del rispetto e dell’accettazione.

Qualcuno ha mai visto grandi intellettuali, scrittori pungenti e geniali, grandi personalità della cultura eterosessuali corteggiare o troneggiare? No, e così sarà per il mondo omosessuale: di certo non vedremo, almeno per ora, fluidità di genere, diversità, sagacia e intelligenza a rappresentarci nel salotto defilippiano. Ma non volevamo forse questo? Non volevamo essere inclusi nel flusso gossipparo e malpensante proprio fino all’anno scorso di una società esclusivamente eterormata e patriarcale? Non volevamo anche noi far parte del degrado televisivo? Anche questo, che lo si accetti o meno, vuol dire far parte della società contemporanea.

Ti suggeriamo anche  Juan Fran Sierra: "Voglio un figlio. Sona? Cancellato. Gabbana? L'amore della mia vita!"

Qualcuno penserà che un episodio come quello di Scorrano-Sona poteva essere evitato. Che Mediaset avrebbe potuto agire secondo un’etica più attenta e rispettosa, magari scegliendo meglio i corteggiatori o utilizzando un linguaggio meno stereotipato. Ma stiamo parlando di una rete che fa da sempre spettacolo sul ridicolo, che vive con i melodrammi di Barbara d’Urso e con format come il Grande Fratello, improfumati con i VIP per coprire il tanfo di morte. Mediaset deve far cassa e la rappresentazione del mondo omosessuale nel teatro di Maria De Filippi non poteva che essere quella che stiamo osservando.

La retorica italiana ci viene in aiuto per comprendere la strategia sottesa a questo programma; Uomini e Donne agisce per sineddoche, laddove la sineddoche è “la sostituzione di un termine con un altro che ha con il primo una relazione di carattere quantitativo”: la parte per il tutto, insomma. Il mondo eterosessuale viene dipinto parzialmente nei suoi aspetti più degradanti e animali, forse anche i più diffusi, così come ora quello omosessuale, che ha finalmente trovato il suo spazio, legittimo, in questa dimensione.

Questo è Uomini e Donne e questo è quello che può fare: chi non è d’accordo dovrà farsene una ragione.

LEGGI ANCHE: Perché il trono gay di Uomini e Donne è importante > >

schermata-10-2457663-alle-16-46-19

7 commenti su “La parte per il tutto: ecco perché il trono gay di Uomini e Donne non può (e non deve) rappresentare tutta la comunità LGBT

  1. Vi prego… abbiate pietà. Mi tocca leggere sulla stessa pagina un “articolo” che smonta il programma e alla fine dello stesso un articolo del Bazzi che invece lo elogia. Ma vi parlate? Siete seri? Non state scrivendo il vostro blog personale. State scrivendo su di una testate giornalistiche che dovrebbe avere una linea editoriale coerente!

    Cosi fece anche gaipuntotivvi ed ora andate a vedere che fine ha fatto.

    Per entrare nel merito della faccenda devo dire che non ci vedo nulla di cosi scandaloso. Il ragazzetto ha già dimostrato il suo valore partecipando alla trasmissione… è uno di quello che sulle cucco-chat scrive “maschio per maschio”. E poi basta con questa correttezza… a me un maschio con atteggiamenti effeminati me lo fa ammosciare… qual è il problema?

  2. Alla domanda “non volevamo fare parte anche noi del degrado televisivo?” la risposta è NO.
    Poi, se a qualcuno non piace il femminile o l’effemminato ha libero diritto di scegliere senza tirare fuori il patriarcato.
    E per ultimo, la gente fondamentalmente è ignorante e la tv è un mezzo d’informazione potente. La gente non si rende conto che quello è solo uno stereotipo e che la realtà è un’altra, gente che non credo sappia neppure cosa sia un trans.

  3. Uomini e donne è un non luogo in cui il linguaggio narrativo prevalente è la farsa: non aspira ad essere niente di diverso. Non c’è niente di male perché è tutto più che palese. Nel caso in questione ognuno parla per sé ma ovviamente non come se si fosse a casa propria… Anche perché è fin troppo chiaro per chi va in TV che quasi mai vengono dette cose a caso, non è proprio il posto prediletto della spontaneità.

  4. Allora, finalmente esiste un programma dove vengono presentate persone gay come persone normali e non come caricature alla “il vizietto”, vengono rappresentati da ragazzi, si bellocci, si in cerca di fama, si già magari inseriti o in fase di inserimento nel mondo dello spettacolo, ma comunque non estremi e non eccentrici, e ci indigniamo perchè uno ha fatto intendere che cercava un ragazzo più maschile? Beh stiamo sul ridicolo. Il programma è trash, ok, il programma è sempre stato di un profilo basso, ma il programma è visto ed è seguito soprattutto da un ceto medio basso, che si appassiona alle dinamiche che vede, finte e studiate, si ok, ma esistono persone che guardano Uomini e donne mentre stirano o mentre lavano i piatti e possono vedere che un truzzo tronista etero non è troppo diverso da un truzzo tronista gay, e per molte persone è proprio questa la cosa da capire, che esistono i gay come Sona ed esistono i gay come Bosco del GFVip, perchè molte persone in Tv hanno visto per anni solo gay come Singorini, come Platinette, come Solange e come Cristiano Malgioglio. Se permetti preferisco essere rappresentato da un Sona che da un Malgioglio, sempre rispettando tutti, ci mancherebbe, ma mia madre per esempio trova il trono gay una cosa carina, perchè trova i ragazzi più vicini a me. e di mia madre ce ne sono molte, e sono proprio quelle persone che nn vedono molti esempi di gay sereni e inseriti soprattutto se vivono in paesini e non in grande città. La Tv è forse l’unico modo per arrivare a loro e il trono gay è l’unico programma di larga distribuzione che sta affrontando il coming out come una cosa normale.

  5. Fluidita’ di genere: ma in che mondo vivi alessio, nel mondo piccolo del tuo tablet perché fuori da quello non troverai nessuno che usa simili espressioni. Il tuo piccolo mondo radical chic delle idee futili che ti consentono di sentirti un gradino più in alto di chi pensa in modo più semplice e guarda programmi d evasione anche perché stanco delle radical frustrazioni. Rassegnati a lodare i carri dei gay pride ed a odiare la TV spazzatura. Un abbraccio. Filippo

  6. Trovo tristissimo che ci sia chi spreca tempo ad occuparsi di programmi trash come quello e peggio chi si scandalizza perchè in quel programma, che di per se fa schifo, non ci abbiano ficcato qualche macchietta, travestito o checca isterica tanto per ravvivare stereotipi offensivi e infamanti contro gli omosessuali. Possibile che non vi vada mai bene nulla? Io non seguo quel programma orrendo, ma trovo positivo che almeno abbiamo avuto la decenza di far partecipare ragazzi reali e non i soliti pagliacci che infestano la tv dando un’immagine totalmente ridicola e persino offensiva di quella che chiamate comunità LGBT.

Lascia un commento