La serie When We Rise cambia la programmazione per colpa di Trump

di

Ecco cosa sta capitando alla miniserie scritta dallo sceneggiatore premio Oscar Dustin Lance Black.

CONDIVIDI
21 Condivisioni Facebook 21 Twitter Google WhatsApp
6088 1

Cambio di programma per la ABC e l’attesissima When We Rise, miniserie scritta dallo sceneggiatore premio Oscar Dustin Lance Black. La rete aveva infatti annunciato una programmazione ‘evento’, con 4 serate consecutive dedicate al progetto sul movimento per i diritti LGBT, a partire dal 27 febbraio prossimo.

Peccato che il 28 febbraio l’appuntamento dovrà saltare, per ‘colpa’ di Donald Trump. Il neo Presidente degli Stati Uniti d’America terrà proprio quella sera una relazione speciale al Congresso, un discorso sullo Stato dell’Unione che la rete non potrà proprio perdere.

When We Rise, scherzo del destino, dovrà quindi lasciar spazio all’omofobo e sessista Presidente, per poi tornare in onda, il 1° marzo, il 2 marzo e il 3 marzo. Una maratona di 8 ore e 7 episodi in 5 giorni a dir poco imperdibile, anche se per il momento priva di programmazione italiana.

Un paradosso, visto e considerato che le prime due ore di When We Rise sono state presentate in anteprima mondiale proprio a Roma, a fine 2016. Dustin Lance Black, nel frattempo, ha confessato come vorrebbe che Donald Trump, proprio lui, vedesse la miniserie: “Penso che un sacco di persone che l’hanno votato amerebbero questo show. Non ho scritto questa miniserie per metà del Paese”.

Tra i protagonisti dello spettacolo: Guy Pearce, Mary Louise Parker, Rachel Griffiths, Ivory Aquino, Carrie Preston, Michael Kenneth Williams, Jonathan Majors, Whoopi Goldberg, Rosie O’Donnell, Denis O’Hare e David Hyde Pierce, con Gus Van Sant regista della prima puntata da due ore e lo stesso Dustin degli ultimi due episodi.

Leggi   Sauvage, ritratto crudo e senza sconti di un giovane prostituto
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...